vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Bucciarelli: ben venga il congresso, il Pd a Vasto è ridotto ad un corpo atrofizzato

Più informazioni su

VASTO.Si faccia il congresso” è quanto ha detto questo pomeriggio Matteo Renzi durante l’intervento alla Direzione del Pd.Sia chiaro a tutti –ha continuato l’ex premier che ha lasciato capire che si dimetterà- che il congresso non si fa per decidere il giorno del voto”.

“Si va a congresso. Il 28 febbraio scade il tesseramento. La sezione di Vasto –ha dichiarato Angelo Bucciarelli rappresentante del partito di Renzi – è ormai chiusa da 8 mesi, da 4 è commissariata da tre personaggi, Zappalorto, Paolucci e Rapino, che mai si sono visti in città. Non possiamo nasconderci quello che il Pd è diventato in Città oggi. Un partito che non c’è più. Un Partito Democratico al servizio di padroncini locali. Ormai la domanda più ricorrente tra gli iscritti al Pd è “con chi stai?”. Un Pd che nella sua inesistenza ha abdicato a quella che è la sua funzione principale: sollecitare l’azione di governo della città nelle scelte che effettua. Non voglio fare polemiche, ma se avessimo avuto un Partito autonomo, anzi in vita, avremmo potuto incalzare l’amministrazione a prendere iniziative. Non voglio punire il Pd e la nuova amministrazione di Vasto, lo dico con rispetto: qui le cose non vanno. Fino a questo momento, dopo 8 mesi di amministrazione non mi sembra che sia emersa un’idea di città, anche la più semplice. E non un’idea su come affrontare i temi più importanti dei quali si è tanto parlato durante la campagna elettorale. L’urbanistica al primo posto. Una città che resta bloccata nel suo sviluppo, senza una idea minima di programmazione. Otto mesi di proclami, con il Pd silente perché ridotto ad un corpo ormai atrofizzato.

Ben venga allora il congresso, ma senza inquinamento. Non vorrei, infatti, che adesso assistessimo, dopo il vuoto, all’esplosione delle iscrizioni con pacchetti di tessere presentati, magari intorno ad un banchetto, dai “signori delle tessere, quel notabilato che sequestra il partito. Quelli che meno siamo, meglio stiamo”, citando Cuperlo. Un Partito che non auguro a nessuno di frequentare”.

Più informazioni su