vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Stop mammografie al San Pio, Smargiassi: “I cittadini assistono impotenti al declino”

Più informazioni su

VASTO. Il consigliere regionale pentastellato, Pietro Smargiassi, interviene sullo stop alle mammografie nell’ospedale di Vasto:“Non ho più memoria dell’ultima notizia positiva riguardante il san pio di vasto; ormai i vastesi apprendono con rassegnazione il costante e continuo susseguirsi di vicende che palesano lo scarso interesse nei piani del governo regionale verso l’ospedale vastese.
Non vorrei che tutte queste carenze e disfunzioni non fossero le premesse per giustificare un nuovo ospedale, anche alla luce delle non troppo calorose manifestazioni di interesse verso questa struttura da parte della città. Un lento declino”
 – continua Smargiassi– “il cui “merito” è tutto da dividersi tra il piano sanitario regionale dell’assessore Paolucci e l’operato della direzione Asl; un binomio contraddistinto soprattutto dall’assenza di formazione e di rinnovamento nelle figure dei medici in servizio, dalla costante riduzione di posti letto in reparti di primario interesse( pensiamo a geriatria) e da strutture sottodimensionate come radiologia, perché le riduzioni ed i tagli riguardano sempre i servizi e le professionalità e mai i dirigenti e vertici aziendali, a cui è bene ricordare che si vive tranquilli anche con qualche emolumento in meno, come sanno del resto tutti i portavoce del Movimento 5 stelle che restituiscono spontaneamente metà dei loro compensi. sarebbe questo il concetto di “coccole”, tanto caro al governatore D’Alfonso, riservato ai cittadini vastesi? Se è così ” -afferma il consigliere- ” è evidente che le minacce di sit – in natalizi, a difesa dei servizi del San Pio, da parte di qualche membro locale dell’attuale maggioranza D’Alfonso, non abbiano sortito alcun effetto e siano rimaste, come ormai di consuetudine, lettera morta. Le preoccupazioni peraltro aumentano se si considera che al declino del pubblico fa da contraltare il fiorire di strutture private sul territorio che, al contrario, in un normale stato di cose, dovrebbero assurgere a ruolo di “complementari” del servizio pubblico, non certo “sostitutive”. A questo punto “- conclude un amareggiato Smargiassi– ” non mi resta che chiedere pietà per l’ospedale San Pio e per tutti i malati e cittadini vastesi che assistono impotenti al declino dell’ospedale civile”.

Più informazioni su