vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vastese, Bartoli: “A Pineto per confermarci, serve questa cattiveria fino alla fine”

Più informazioni su

VASTO. Un martedì tra tranquillità e raggi di sole. La vittoria di domenica ha riportato il sereno in casa biancorossa, tre gol per ripartire di slancio in vista di un finale di stagione dove la Vastese vuol tornare ad essere protagonista. Il tecnico Max Favo può sorridere, dopo il lunedì di riposo, ha ritrovato un gruppo quasi al gran completo, nei prossimi giorni anche Mensah dovrebbe rientrare a pieno regime con la possibilità di tornare a disposizione già per la sfida di Pineto. Ripensando alla vittoria contro la Vis Pesaro grande protagonista è stato il giovane centrale barese Marco Bartoli, perfetto in difesa e decisivo in avanti con il gol che ha rotto l’equilibrio.

Marco Bartoli, dopo quello di Matelica hai timbrato un altro gol importante aprendo la strada verso il ritrovato successo, per te una domenica perfetta quella appena trascorsa?

Ho cercato di ripagare al meglio la fiducia concessami dal mister, sono contento per il mio secondo gol pesante e poi il resto è venuto da se, ero abbastanza carico perché in settimana mi ero allenato con la giusta determinazione, spero di continuare su questi livelli dando sempre il massimo”.

Un successo arrivato con il cambio del modulo presentando una Vastese con tre centrali difensivi, è stata l’idea giusta per battere una realtà quotata come la Vis Pesaro?

“Una scelta coraggiosa e poi risultata vincente, il cambio modulo ha sortito gli effetti sperati, dopo le ultime due sconfitte il nostro allenatore ha deciso di cambiare qualcosa, siamo riusciti a limitare il loro gioco offensivo pur trovandoci di fronte una squadra seconda in classifica non per caso mettendo in mostra il calcio più bello del girone, all’Aragona non ci sono riusciti anche per meriti nostri”.

Dopo quattro sconfitte consecutive sono finalmente arrivati i tre punti, è questa la strada giusta?

“Domenica tutta la squadra ci teneva a far bene, gli stimoli erano tanti come le sette domeniche senza vittorie e il trovarsi di fronte la seconda forza del girone, il mister ci sta guidando alla grande sin da quando è arrivato, ha preparato al meglio la sfida sia tecnicamente che mentalmente, già durante il riscaldamento avevamo gli occhi giusti, concentrazione e cattiveria viste due giorni fa dovremo confermarle fino al termine della stagione”.

I playoff sono  vicini due punti, si può parlare nuovamente di obiettivo alla portata?

“Al momento preferirei volare basso, scolliniamo la soglia dei quaranta punti, poi lavoreremo su un obiettivo sicuramente più prestigioso come quello dei playoff”.

Dopo due promozioni consecutive da under qui a Vasto pur avendo ancora ventuno anni sei considerato un over, un salto impegnativo?

“Il primo anno da over è sicuramente quello più difficile, per gli under dovendone schierare quattro trovare spazio è più semplice, quando si compie il balzo in avanti bisogna aumentare ancor di più i giri del proprio motore, in campo va chi merita e io lavoro tutti i giorni per trovare spazio con continuità nell’undici titolare”.

La Vis Pesaro è un dolce ricordo ma oramai lontano, all’orizzonte c’è la sfida di Pineto, quanto sarà importante confermarsi?

“Non vogliamo, né possiamo fermarci, ci attende un match importantissimo, una sfida da prendere con le pinze perché loro rispetto alla sfida d’andata si sono rinforzati e sono a caccia di punti salvezza, noi con la giusta concentrazione scenderemo in campo sapendo benissimo che ci servono altri tre punti prima della sosta”.

 

Più informazioni su