vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Suriani, Prospero e D’Elisa: promesse non mantenute con Tiberio in giunta

Più informazioni su

 

VASTO. I consiglieri di minoranza commentano le dimissioni dell’assessore Antonio Del Casale e il probabilE ingresso in giunta di Nicola Tiberio, ex assessore della giunta Lapenna.

“Prendiamo atto -dicono Surini, Prospero e D’Elisa- delle rancorose e motivate dimissioni dell’assessore Del Casale, primo degli eletti del PD con quasi 700 preferenze e, come lui stesso si è definito, “punta di diamante” della “giunta dei giovani” che fu presentata da Francesco Menna alla cittadinanza durante la campagna elettorale.

La giunta presunta giovane, di cui certo Del Casale era uno dei più qualificati esponenti, risulta, ad oggi, una delusione evidente agli occhi dei cittadini vastesi.

Al di là della facciata, i giovani del Pd e dei partiti alleati dimostrano ogni giorno di contare meno, mentre è in pieno corso l’operazione di restaurazione della gestione Lapenna.

Mentre infatti Luciano Lapenna resta l’unico consigliere comunale della maggioranza dotato di parola, Forte è tornato presidente del Consiglio, Lina Marchesani e Gino Marcello sono stato rinominati assessori e l’intramontabile Vincenzo Sputore è stato eletto in consiglio provinciale per rappresentare la maggioranza di sinistra che governa Vasto.

Oggi, con l’addio del giovane ex segretario Pd, si profila l’ingresso in giunta, come sostituto, di Nicola Tiberio, già assessore di Lapenna, un ulteriore passo verso il ritorno delle oligarchie della scorsa consiliatura, e un’ulteriore dimostrazione che la “R di #rinnovamento” promessa da Menna era solo uno specchietto per le allodole.

Desta preoccupazione, e un filo di sgomento, la situazione della cosiddetta “componente giovanile” della maggioranza, ridotta al silenzio e all’impotenza, a un ruolo totalmente marginale, sia in giunta che in consiglio. Mentre il centrodestra ha proseguito in questi mesi la sua opera di profondo rinnovamento, a sinistra valgono sempre le stesse, opache regole, che sono state denunciate in questi giorni sui giornali da esponenti locali dello stesso Partito Democratico“.  

Più informazioni su