vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

150 studenti del chietino si sfidano nel memorial Orecchioni e Costantini

Più informazioni su

LANCIANO. Nella mattinata di sabato 13 maggio, si disputerà a Lanciano l’edizione 2017 del torneo studentesco di calcio a 5, organizzato dal gruppo calcio del Cedas Sevel di Atessa e inserito nel calendario C.S.A.In. (Centri Sportivi Aziendali Industriali) Abruzzo. Si giocherà anche quest’anno per ricordare i giovani studenti Davide Orecchioni e Lorenzo Costantini, nonché il professor Mario Scimia, docente di Educazione Fisica presso l’ex Itis di Lanciano.
E’ prevista la presenza di circa 150 giovani studenti e studentesse, che rappresenteranno 8 istituti medi superiori della provincia di Chieti e precisamente: IIS L. da Vinci, ITET E. Fermi, Liceo delle Scienze Sociali De Titta, I.S. Vittorio Emanuele II, ex prof. De Giorgio di Lanciano, IIS S. Spaventa di Atessa, IIS E. Mattei Vasto ed Omnicomprensivo di Guardiagrele.
Gli incontri si giocheranno sui campi allestiti sul terreno di giuoco del Lucio Memmo (pista di atletica leggera) e nella palestra dell’IIS Da Vinci – De Giorgio del capoluogo frentano.
La kermesse vedrà in campo 14 squadre che daranno vita a tre distinti tornei. Due maschili: “allievi” (studenti delle classi 1°, 2° e 3° media superiore) e “Juniores” (studenti delle classi 4° e 5°), ed uno femminile, in cui si affronteranno le rappresentative d’Istituto.
Alle squadre vincitrici sarà assegnato il “Trofeo Cedas Sevel”, mentre sono previsti premi individuali per i ragazzi e le ragazze che si metteranno in evidenza.
“A distanza di due mesi dal riuscitissimo torneo studentesco di pallavolo – commenta Walter Di Gregorio, coordinatore delle attività sportive dello stabilimento di Atessa – siamo felicissimi di portare nuovamente sui campi tanti giovani, per far vivere loro un’altra importante ed intensa mattinata di sport. Vorrei ringraziare anticipatamente tutti coloro che ci hanno aiutato a realizzare l’evento. In particolare i docenti di educazione fisica che, con la consueta passione e disponibilità, hanno allestito le squadre partecipanti”.

Più informazioni su