vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Riscoprire D’Annunzio e promuovere il territorio, la strategia vincente di Luce Lab foto

Più informazioni su

CASOLI. Doppio successo per gli appuntamenti dedicati a D’Annunzio organizzati dal laboratorio Luce Lab. Ieri sera al Castello Ducale di Casoli un pubblico gremito ha assistito all’evento “La gola dell’esteta. A tavola con D’Annunzio”, la seconda iniziativa, dopo quella dedicata alla bellezza dello scorso 22 luglio, che ha visto peraltro il patrocinio di Slow Food Chieti e il contributo del Comune di Casoli.

“Abbiamo parlato del rapporto che D’Annunzio aveva con i piaceri in generale e con il cibo in particolare – ha spiegato il dott. Gianni Vassalli, relatore dell’evento assieme alla giornalista Paola Sorge – il cibo per il Vate non era altro che un mezzo per arrivare a provare delle sensazioni che poi sono state descritte nelle sue opere. “Il cibo – ha aggiunto il dott. Vassalli – è un argomento che deve essere studiato e approfondito perché oggi si mangia troppo e si mangia male. Sarebbe opportuno quindi riscoprire il cibo come piacere della vita, così come lo è ascoltare un brano di musica o guardare un’opera d’arte”.

I protagonisti dell’incontro, che si è inserito all’interno della terza edizione della “Rassegna Dannunziana” e che è stato moderato dalla prof.ssa Graziella Caravaggio, sono stati i piaceri della buona cucina, prendendo spunto dal libro “A tavola con D’Annunzio” scritto dalla nota giornalista Paola Sorge. E il cibo è stato anche il protagonista della degustazione che ha seguito il convegno curata da Tommaso Masciantonio dell’azienda “Trappeto di Caprafico” e dal Master Sommelier Nicola Boschetti. Il momento conviviale è stato caratterizzato da pietanze apprezzate e decantate dallo stesso Vate, accompagnate dalle armonie musicali del maestro Francesco Ciancetta.

“Siamo molto soddisfatti dell’esito di questo appuntamento e anche di quello precedente – hanno sottolineato gli organizzatori di Luce Lab – questo vuol dire che c’è interesse da parte di un pubblico attento e sensibile a determinate tematiche. Siamo felicissimi di questo riscontro, abbiamo suscitato curiosità nel nostro territorio e abbiamo valorizzato il castello portando qui tantissime persone. Adesso diamo spazio alla felicità ma tra qualche giorno saremo già a lavoro per le nuove iniziative di Luce Lab”.

 

Più informazioni su