vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pollutri, si fingono avvocato e collega e tentano truffa a due anziani

Più informazioni su

POLLUTRI. Una mattinata da dimenticare, quella di ieri, per una coppia di anziani di Pollutri. Intorno alle 12.00 due uomini hanno provato ad attuare una truffa che fortunatamente non è andata in porto. A raccontarci la vicenda è il figlio dei due signori, ancora incredulo per quanto è successo:

“Ero ad un corso di aggiornamento e dopo aver trovato molte chiamate sul cellulare da parte di mio padre ho mandato un sms a mia moglie e sono venuto a conoscenza dell’accaduto. Due persone in accordo tra loro hanno tentato di estorcere denaro ai miei genitori. Uno dei due ha effettuato una chiamata a casa mia, ha parlato con mio padre dicendo di essere un avvocato che aveva bisogno di soldi – una specie di cauzione – perché io mi trovavo in galera dopo aver ucciso una persona in un incidente stradale. 

Dopo aver parlato con mio padre, l’uomo al telefono ha voluto parlare con mia madre. Ha chiamato entrambi per nome e questo li ha terrorizzati. A lei ha detto che un suo collaboratore stava salendo a casa a ritirare il denaro necessario. Mia madre non aveva ancora preso coscienza della situazione così quando il campanello è suonato ha aperto in fretta; al truffatore però ha subito chiesto perché non fossero intervenuti direttamente i carabinieri per avvisare dell’incidente. Improvvisamente, quando l’uomo oltre ai soldi ha chiesto di avere anche oro, mia madre ha capito cosa stava accadendo e ha detto con insistenza al truffatore che avrebbe dovuto rimanere in attesa poiché lei doveva fare una chiamata alla nuora. All’udire queste parole il delinquente si è dileguato“.

Momenti di terrore, di disperazione vera e propria, quelli vissuti dai due anziani e all’inizio anche di grande preoccupazione per il figlio. “E’ andato tutto bene – ha concluso lui- ma poteva finire molto peggio. Avrebbero potuto fare del male ai miei genitori, avrebbero potuto usare armi o magari avrebbero potuto causare un infarto ad entrambi. Fortunatamente mia madre nonostante tutto ha avuto la forza di reagire e di rendersi conto della situazione”. La coppia, molto scossa, ieri non è riuscita a recarsi dai carabinieri per denunciare l’accaduto, ma lo farà nelle prossime ore.

Più informazioni su