Transiberiana d'Italia, ieri in viaggio con 30 ospiti della "CasaGaia"

Cultura
Vasto lunedì 20 febbraio 2017
di redazione
Transiberiana d'Italia, ieri in viaggio con 30 ospiti della CasaGaia
Transiberiana d'Italia, ieri in viaggio con 30 ospiti della CasaGaia © n.c.
ABRUZZO. Tutti in carrozza a bordo del treno storico in viaggio sulla Transiberiana d’Italia, tra Sulmona e Roccaraso. E ieri mattina, ad attendere con giustificata impazienza il fischio del capostazione, anche una trentina di ospiti (tra bambini e accompagnatori) di CasaGaia, struttura ricettiva di Sulmona che ha nell’accoglienza e nell’assistenza dei diversamente abili della Valle Peligna la sua nobilissima missione. Ospiti speciali - e graditissimi - della Fondazione FS Italiane e della Direzione Regionale Abruzzo di Trenitalia. Tanta l’emozione dei piccoli viaggiatori e tanto anche lo stupore nel salire a bordo di un treno degli Anni ‘20, nelle famosissime carrozze Centoporte con splendidi sedili di legno e tendine di velluto. E poi via verso la magia dei panorami incontaminati che fanno da cornice ai binari, tra ponti e viadotti che solcano il Parco della Majella, fino a Roccaraso, per apprezzare dal vivo la suggestione unica di viaggiare sulla seconda ferrovia più alta d’Italia, dopo quella del Brennero. Ad accogliere alla partenza i piccoli ospiti e gli accompagnatori, il Direttore Regionale di Trenitalia Marco Trotta. Le Ferrovie dello Stato, con la loro storia di impresa e di uomini, accompagnano da oltre un secolo la crescita civile, sociale, economica ed anche culturale del Paese. Ma la storia di FS è legata a doppio filo anche a iniziative di supporto alla ricerca scientifica e al sostegno di campagne di solidarietà, rivolte spesso proprio ai bambini.