Non si legge, ma al commento non si rinuncia

Editoriale
Vasto mercoledì 21 giugno 2017
di Paola D'Adamo
Più informazioni su
Non si legge, ma al commento non si rinuncia
Non si legge, ma al commento non si rinuncia © n.c.
VASTO. Tutti hanno fretta e pochi trovano il tempo per leggere un articolo, ma per commentarlo, anche se non si è letto, il tempo si trova. Succede sempre più spesso infatti di trovare persone che si limitano alla sola lettura del titolo e nel commento spesso propongono delle domande le cui risposte sono scritte nel pezzo che non hanno letto. Ed è anche per questo, per la mancanza di attenzione di chi legge, che da tempo il rapporto dei siti d’informazione con commenti e commentatori è parecchio travagliato. La tendenza a commentare tutto ha permesso la nascita di una nuova figura, il top Commentator. Riconoscimento che permette di ottenere una maggiore visibilità delle proprie opinioni e il commento viene classificato con una rilevanza maggiore. Almeno per il momento, i commenti sopravvivono, ma sempre più siti decidono di passare la “patata bollente” (di chi insulta, offende e così via) a Facebook: dove chi scrive è identificabile con un nome e un cognome e soprattutto dove la responsabilità legale diventa personale se offendi, vieni chiamato tu a rispondere, non chi gestisce il sito. La prossima volta, magari se non avete avuto tempo di leggere l’articolo, prima di commentare pensateci bene.