PD San Salvo: “Fretta e superficialità, rischio grave per le opere pubbliche”

Il Partito Democratico interviene in merito alla costruzione del forno crematorio a San Salvo

Flash News
Vasto sabato 14 luglio 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Gennaro Luciano
Gennaro Luciano © Vastoweb

SAN SALVO. Il PD locale interviene in merito al Forno Crematorio per la cui costruzione si è discusso nel consiglio comunale del 12 luglio scorso: “Sì alla Cremazione, ma l’opera pecca di aspetti importanti e fondamentali. Da parte dell’amministrazione di centrodestra superficialità di giudizio e di lavoro”

Sì al alla Cremazione, ma l’opera proposta dall’amministrazione comunale pecca di alcuni aspetti importanti e fondamentali che necessitano la giusta attenzione e scrupolosità e pecca di superficialità di giudizio nell’area scelta per la sua realizzazione.

Il Forno Crematorio nascerà infatti in pieno centro storico, nelle vicinanze del futuro Polo Scolastico. Riteniamo tale scelta pessima ed errata.

E poi ancora. L’opera pecca:

  • di una serie di analisi serie ed importanti (tasso di mortalità, di natalità, bacino di utenza);
  • della valutazione dei rischi;
  • della “verifica di assoggettabilità della valutazione di impatto ambientale” necessaria alla sua realizzazione come invece stabilito dal decreto 152 nonché adottata da tutti i comuni che vedono insistere sul loro territorio tale importante opera;
  • di accumulatori di energia che renderebbero tale opera completamente autonoma.

Un’opera dunqueche condividiamo, ma con tanti punti importanti e fondamentali assenti e non valutati dall’amministrazione comunale relativi alla sua realizzazione e che hanno portato i consiglieri del PD Gennaro Luciano, Antonio Boschetti, Gianni Mariotti e la consigliera di San Salvo Democratica Marika Bolognese a esprimere il loro voto contrario.

Siamo di fronte dunque ad un’amministrazione comunale che denota ancora una volta superficialità di giudizio e di lavoro e che grazie al proficuo lavoro dei consiglieri, svolto come più volte ribadito guardando al futuro della città e al bene dei cittadini, è venuto alla luce. Lavoro tra l’altro valutato dalla stessa amministrazione come proficuo e positivo.

All’amministrazione comunale diciamo quindi che questa non èuna gara, come invece sta cercando di fare, per arrivare primi alla sua realizzazione vista l’assenza sull’intero territorio abruzzese e molisano di un Forno Crematorio, ma siamo di fronte ad un progetto importante che merita le giuste considerazioni che tengano conto in toto di tutte le possibili conseguenze.

Inoltre e concludiamo. Abbiamo proposto all’amministrazione comunale, che spesso ci accusa di muovere solo critiche e di non fare proposte:

  • di trovare i fondi per ampliare il cimitero esistente;
  • di valutare un possibile quanto fattibile accordo con i comuni limitrofi ed in particolare con il comune di Cupello vista la vastità del suo territorio e che permetta anche di non far gravare alla sola Città di San Salvo ogni onere previsto alla sua realizzazione e/o eventuale futura manutenzione.