Minoranza: "Abbiamo cercato di trovare un accordo a favore del mantenimento del Tribunale di Vasto"

"Maggioranza incline a svenire le ragioni del vastese"

Politica
Vasto giovedì 17 maggio 2018
di La Redazione
Più informazioni su
D'Elisa, Laudazi, Giangiacomo e Suriani
D'Elisa, Laudazi, Giangiacomo e Suriani © Vastoweb

VASTO. "Abbiamo cercato di trovare un accordo a favore del mantenimento del Tribunale a Vasto, contrastando un documento fumoso di una maggioranza in coma ed incline a svendere le ragioni del vastese, anche in materia di giustizia.

Il sindaco Menna si è presentato chiedendo la ratifica del suo comportamento sconnesso e contraddittorio, finalizzato a propagandare un fantomatico "tribunale diffuso" Lanciano-Vasto.

La mancata condivisione di un procedimento già portato avanti da Menna, ha portato al suo inevitabile ritiro, perché non si può chiedere alla minoranza di sostenere una classe politica - quella del PD - che ha già svenduto il nostro territorio in materia di sanità, di servizi idrici, di bonifica e persino di polizia stradale.

Un sistema di sinistra in disfacimento fuori dal tempo e castigato dagli elettori, prigioniero dei suoi patrigni e della sua stessa maggioranza conduce la città verso lo sfacelo. Svendere il tribunale a favore di un ipotetico ibrido del PD con Lanciano? Non con il nostro voto, che sarà sempre al servizio dei vastesi."

Alessandro d'Elisa (Gruppo misto)

Vincenzo Suriani (Fratelli d'Italia)

Edmondo Laudazi (Il nuovo faro)

Guido Giangiacomo (Forza Italia)