Incendi discarica Cupello, Smargiassi: "Si faccia presto chiarezza sulla situazione"

“Ho chiesto alla Giunta regionale ed all’Assessore competente in materia, di riferire su questi eventi la cui natura è in fase di accertamento"

Politica
Vasto giovedì 14 giugno 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Incendio discarica Cupello
Incendio discarica Cupello © Vastoweb

VASTO. Il Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle Pietro Smargiassi è intervenuto questa mattina riguardo la situazione degli incendi verificatisi nella discarica di Valle Cena nel comune di Cupello.

“Ho chiesto alla Giunta regionale ed all’Assessore competente in materia, di riferire su questi eventi la cui natura, allo stato, è in fase di accertamento. Dobbiamo innanzitutto conoscere se vi siano ricadute per la salute degli abitanti di quella zona, esposti ai fumi dei rifiuti bruciati, accertando l’effettiva non pericolosità degli stessi e quindi che la salubrità dell’aria non sia stata minata. Le condizioni atmosferiche stanno certamente avvantaggiando l’ottimo lavoro dei Vigili del Fuoco; è chiaro però che se si fosse stati in una giornata ventosa i fumi delle sostanze bruciate sarebbero arrivati nel centro abitato. Voglio altresì capire” continua Smargiassi “se nella discarica erano in atto tutte le necessarie misure di sicurezza previste per legge ed, in particolare, se il materiale di cui si compongono i teli di copertura utilizzati per i rifiuti fossero conformi alle prescrizioni.

Sono certo che la Magistratura farà chiarezza su quanto accaduto ma è necessario capire se vi siano delle responsabilità nei controlli e nelle misure adottate dall’organo pubblico che gestisce la discarica; ed è proprio al pubblico che quindi mi rivolgo, perché forse si è dimenticato quanto accaduto nella discarica di Chieti nel 2015 ed i pericoli all’ambiente ed alla salute connessi. Inutile sottolineare quindi” conclude il Consigliere 5 Stelle “che mi aspetto massima solerzia da parte della giunta regionale nella risposta, chiarendo che il Movimento 5 Stelle, come sempre, sarà vigile sino a quando non saranno accertate tutte le responsabilità ”