Camillo D'Amico scrive al prefetto sulla Cupello Ambiente

"Non si vuole che Cupello diventi la prossima terra di scandali, come Caserta"

Politica
Vasto venerdì 10 agosto 2018
di La Redazione
Camillo D'Amico
Camillo D'Amico © Camillo D'Amico

CUPELLO. "Il caso finisce in prefettura. Il gruppo consiliare “Il Cambiamento” scrive al Prefetto dopo che la Cupello Ambiente Srl, società che gestisce dal 2016 la discarica di servizio al Polo Tecnologico CIVETA di Valle Cena, ha rifiutato di fornire i dati riguardanti la provenienza e le quantità dei rifiuti conferiti. Molti dubbi si addensano sulle attività della Cupello Ambiente Srl, società facente capo a Rocco Bonassisa, imprenditore foggiano, già condannato a due anni per gestione illecita dei rifiuti, ora sotto accusa per corruzione al sindaco di Cerignola.

Dopo i roghi in discarica del 12 e 13 Giugno scorsi, sulla cui natura si sta indagando, “Il Cambiamento” ha avviato una serie di incontri per informare i cittadini e per fare chiarezza sulle attività che quotidianamente vengono svolte a Valle Cena.

Nata per essere di servizio alla Centrale di Compostaggio CIVETA, la discarica ha dovuto presto aprire a flussi di rifiuti esterni per sanare annosi problemi di bilancio. Di conseguenza, la durata della vasca ha subìto un’importante riduzione rispetto alle reali esigenze del territorio, infatti, sono state già attivate le necessarie richieste di autorizzazione per un nuovo invaso, che sarebbe il quarto in poco più di vent’anni di attività.

Adesso, i cittadini di Cupello, di Monteodorisio, di Furci e di tutto il comprensorio confinante meritano che si faccia luce sulla natura dei materiali conferiti, le quantità e le provenienze. Purtroppo, questi dati non vengono resi pubblici e ci si domanda perché.

I dubbi in merito alla gestione dei rifiuti, ai quali la cronaca ci ha abituati, con i fatti di Caserta, della “Terra dei Fuochi” oppure di Bussi, sono e restano tanti. Non si vuole che Cupello diventi la prossima terra di scandali, o si scopra che lo sia già. Per questo, in data 9 Agosto u.s. è stata inoltrata una nota al Prefetto della Provincia di Chieti, Dott. Antonio Corona, in cui si chiede di intervenire quanto prima.

In tutto questo, l’autorità sanitaria locale, il sindaco di Cupello Manuele Marcovecchio, non prende posizione, ma la Cupello Ambiente Srl sponsorizza le feste estive e le sagre in paese."

Il Cambiamento