vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Agricoltura in ginocchio nel Vastese, l'Idv chiede interventi urgenti

Più informazioni su

VASTO – Le difficoltà che attraversa il settore agricolo del Vastese approdano in Consiglio provinciale: è un ordine del giorno che impegna il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, a chiedere sostegni regionali e nazionali all’agrivoltura locale, quello presentato da Michelino Natale, consigliere provinciale dell’Italia dei valori

“L’agricoltura provinciale – scrive Natale – sta attraversando un momento difficilissimo con forti e diffusi disagi dei produttori agricoli, e particolarmente acuta risulta essere la crisi dei prezzi di tutte le produzioni agricole” e “la campagna 2009 è stata fortemente caratterizzata in un periodo che va da fine maggio alla metà di luglio da piogge abbondanti in rapporto alla media stagionale, poi si sono combinati condizioni di alta umidità che ha stravolto tutti i canoni abituali di difesa ed ha favorito l’insorgenza di malattie fungine come la Peronospora della Vite, la Bolla e Monilia del Pesco, con gravi danni sia alla vegetazione che ai frutti, per un calcolo danno stimato del circa 32%, quasi 1/3 della produzione”. Per questo l’Idv chiede a Di Giuseppantonio “l’intervento urgente presso la regione Abruzzo e il Ministero dell’Agricoltura e, per quanto di competenza per ottenere misure immediate di sostegno alle cooperative e produttori agricoli; la conferma degli sgravi contributivi al fine di contenere il costo del lavoro in agricoltura e la garanzia di stabilità fiscale per gli agricoltori; la conferma del sistema assicurativo al fine di dare piena attuazione ai meccanismi di gestione del rischio in agricoltura e di potenziare il ruolo delle polizze assicurative per far fronte alle crescenti emergenze climatiche; un più forte sostegno alle riduzioni del costo dei carburanti per l’agricoltura; l’attivazione e l’utilizzo di tutti gli ammortizzatori sociali necessari per governare la crisi che sta interessando i piccoli e medi produttori agricoli”.  

Più informazioni su