vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Smi, sit-in con il sindaco: si pensa ad un possibile accordo con Pilkington

Più informazioni su

VASTO – Un accordo con un’azienda della Svizzera collegata alla Pilkington per evitare la chiusura dello stabilimento Smi di Mafalda. Si è tenuto questa mattina in Comune a Vasto un incontro tra i lavoratori del presidio facente parte del gruppo Marrollo, il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, il primo cittadino di Mafalda, Egidio Riccioni, il coordinatore della Lega Nord di Vasto, Stefano Moretti, Pasquale Sisti, della Cgil Molise e Antonio Fasciano, rappresentante di Per il Bene Comune. Sul tavolo la situazione dei lavoratori della Smi che da tre mesi non percepiscono più lo stipendio. Il Comune di Mafalda ha iniziato una battaglia a livello amministrativo, impugnando le autorizzazioni alla costruzione di una centrale a biomasse che dovrebbe sorgere al posto dello stabilimento che produce prefabbricati. “Abbiamo anche avuto contatti con un’azienda della Svizzera che sarebbe intenzionata ad aprire uno stabilimento per il trattamento del vetro come scarto di produzione della Pilkington – ha affermato il sindaco Riccioni – si tratterebbe di un impianto che, oltre ad utilizzare la struttura già presente della Smi, salvaguarderebbe l’ambiente, dato che il vetro verrebbe fuso con forni elettrici”. I lavoratori hanno anche richiesto l’impegno delle amministrazioni comunali dei centri che si affacciano sulla Vallata del Trigno. Il primo cittadino Luciano Lapenna ha rassicurato gli addetti della Smi che un ordine del giorno sul problema verrà presto portato in consiglio comunale. Più aggressivi Antonio Fasciano e Stefano Moretti che hanno puntato l’attenzione su presunte irregolarità nella gestione dello stabilimento e della sua dismissione.

michelabevilacqua@vastoweb.com

Più informazioni su