vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

E' muro contro muro tra centrodestra e centrosinistra sul bilancio Sasi

Più informazioni su

VASTO – I sindaci del Pdl bocciano il bilancio della Sasi, la società che gestisce il servizio idrico integrato (acqua potabile e fogne) in 92 Comuni su 104 della Provincia di Chieti. Per il primo cittadino di Lanciano, Filippo Paolini, e il suo collega di Fara San Martino, Antonio Tavani, c’è “innanzitutto la questione costi sociali: con la mozione approvata dall’assemblea dieci mesi fa in sede di approvazione del bilancio 2007 e che impegnava il consiglio d’amministrazione della Sasi ad iniziare un’opera di alleggerimento dei costi sociali che gravano a carico dei comuni da anni (pari a 6,7 milioni di euro), mozione che il cda ha chiaramente disatteso; tali costi sociali, cioè i debiti dei Comuni soci nei confronti della Sasi, sono l’ossatura di questo bilancio e ne costituiscono una parte sostanziale benché fittizia; i revisori presenti hanno inoltre sottolineato l’impossibilità di eliminazione di queste poste, sconfessando un anno dopo i firmatari di quella mozione strumentale, e il Cda stesso che aveva accolto la mozione un anno fa. Inoltre, tra l’approvazione del bilancio 2007 e quella di ieri, la Sasi ha ricevuto la notifica della sentenza esecutiva del Tribunale di Lanciano, che impone l’iscrizione delle quote di ammortamento 2003 (questione Isi -Sasi), mai inserite nel documento contabile Sasi, benché la stessa società abbia provveduto ad inserire quelli del 2004, 2005, 2006 per oltre 5 milioni di euro. Infine, su questo bilancio in approvazione, e che ha un valore di produzione di 24 milioni circa, sono iscritti crediti esigibili entro l’esercizio (2008) per 42 milioni”.
E’ muro contro muro, dunque, tra i sindaci del centrodestra e quelli del centrosinistra. “Per riaffermare – sostengono Paolini e Tavani – la posizione di collaborazione dei sindaci Pdl, era stata proposta un aggiornamento della seduta con un breve rinvio per consentire al Cda  di preparare le risposte ai questiti e alle argomentazioni poste, al fine di documentare come per legge i soci. Tale proposta è stata prima svilita e poi bocciata dai sindaci del centrosinistra”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su