vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pale eoliche, ora la questione riguarda tutto il Vastese

Più informazioni su

VASTO – Si torna a discutere delle pale eoliche nel Vastese. E a polemizzare. Se da oltre un anno lo si fa per la possibile installazione di un impianto a largo della costa, ora la questione torna a riguardare l’entroterra. Il comitato cittadino Dinamismi, nato
a Castelguidone dice no alle pale eoliche nel centro del Chietino.
I 40 ragazzi che danno vita all’organismo di lotta contrastano la
realizzazione sul territorio comunale di un impianto di 10 aerogeneratori della potenzanominale di 20 MWh proposto all’amministrazione comunale dalla società Ipotenusa, finanziata dal fondo mobiliare d’investimento F2i, di cui è amministratoredelegato il molisano Vito Gamberale. “Il sito scelto dal Comune di Castelguidone
– si legge in una nota – è a circa un chilometro e mezzo di distanza dal
centro abitato: oltre al devastante impatto ambientale, quello visivo
risulterebbe di incalcolabili proporzioni, visto che si tratta dell’unica visuale del paese dalla piazza. La popolazione – proseguono i ragazzi di Dinamismi – non è stata minimamente coinvolta in questa scelta che cambierebbe per sempre il territorio, la storia e le tradizioni del piccolo centro. L’Alto Vastese sta pagando a carissimo prezzo un alto costo ambientale con le 188 torri eoliche sistemate sulle creste dei monti, come ad esempio nella wind Farm di Castiglione Messer Marino, a 15 chilometri da Castelguidone le 15 torri a Schiavi d’Abruzzo, ad appena 7 chilometri dal paese. Peraltro – proseguono gli aderenti al comitato – le pale spesso si fermano, visto che nella zona, a fortissime raffiche di vento, si alternano periodi di bonaccia. Il comitato, pur essendo favorevole all’utilizzazione di fonti di energia rinnovabili e pulite, si oppone categoricamente alla disseminazione selvaggia sul territorio di questi impianti. L’eolico in Italia sta assumendo un volto nero, con forti interessi legati all’incentivo dei fondi pubblici”. Tanto che il comitato ricorda il recente arresto del presidente dell’Associazione Nazionale Energia del Vento, con una serie di pesanti accuse e il sequestro
di decine di impianti in tutta Italia.

Mic. Bev.

Più informazioni su