vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

I 104 Comuni della Provincia si impegnano per le energie alternative

Più informazioni su

CHIETI – I 104 Comuni della Provincia di Chieti si impegnano a promuovere il risparmio energetico e le energie alternative. I primi cittadini di tutti i centri del territorio provinciale e il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, firmeranno il relativo protocollo d’intesa domani, a Lanciano, nel complesso monumentale dello Spirito Santo. Alla cerimonia saranno presenti Pedro Ballesteros Torres, responsabile del Covenant of Mayors della Commissione Europea e dirigente della direzione generale Energia e Trasporti dell’Unione Europea e il presidente della Regione, Gianni Chiodi. Sono attesi a Lanciano anche i rappresentanti di alcune municipalità di Bulgaria, Cipro e Portogallo, che sottoscriveranno una dichiarazione inerente l’adesione al patto.
“La Provincia di Chieti – si legge in una nota dell’ufficio stampa – ha assunto formalmente il ruolo di Struttura di Supporto della Commissione Europea, per il territorio di competenza, nell’ambito della promozione e attuazione della Covenant of Mayors, quale attività di coinvolgimento dei Comuni d’Europa, finalizzata alla redazione di piani di sviluppo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico per il conseguimento degli obiettivi del Pacchetto Clima ed Energia denominato 20-20-20 (-20% di riduzione di CO2, + 20% di aumento dell’efficienza energetica, 20% di energia da fonti rinnovabili).
Con la sottoscrizione dell’adesione al patto, i Comuni avvieranno un percorso virtuoso per lo sviluppo delle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica, che inizierà con la predisposizione del Piano Energetico Comunale, requisito minimo richiesto dall’Unione Europea, come impegno derivante dall’adesione al Covenant.
La Provincia, grazie all’Alesa (agenzia locale per l’energia e lo sviluppo ambientale), avrà il compito di coordinare l’azione dei sindaci sul territorio, supportare le amministrazioni comunali nello sviluppo di progettualità innovativa e fungere da soggetto interlocutore tra la Commissione Europea e i Comuni per la trasmissione di dati e risultati ottenuti”.

Mic. Bev.

Più informazioni su