vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il commissario della Asl: la nuova sede non sarà nella vostra città

Più informazioni su

VASTO – Il nuovo ospedale in tempi ragionevoli, ma Vasto non avrà la sede della Asl. E’ la sintesi delle strategie della Regione riguardo alla sanità nel Vastese. Lo si capisce dalle parole dette a margine del convegno al Palace Hotel di Vasto Marina da Angelo Staniscia, commissario straordinario della Asl di Lanciano-Vasto, che verrà soppressa per creare un’unica azienda sanitaria provinciale. Staniscia è intervenuto al dibattito organizzato dal Pdl sul futuro della sanità vastese, moderato dall’ex assessore provinciale Giancinto Mariotti. Al tavolo dei relatori il senatore Fabrizio Di Stefano, l’ex deputato Nicola Carlesi ed Eugenio Spadano, consigliere comunale a San Salvo.

Sede Asl. “Ritengo – ha detto Staniscia – prematuro parlarne. Non è importante la sede legale, ma servizi in grado di funzionare, che possono essere forniti con il potenziamento dell’informatizzazione. Per cui, no ai campanilismi”. Secondo il commissario straordinario, “essendo una Asl provinciale, la sede più probabile è a Chieti, ma credo si possano trovare soluzioni per riconvertire gli uffici di Lanciano”.

Nuovo ospedale. “A Vasto – ha affermato Staniscia – bisogna potenziare le strutture: l’ospedale è vecchio e si trova in un’area angusta, priva di parcheggi. Io sono favorevole al decentramento degli ospedali. Quello nuovo si più costruire in tempi ragionevolmente brevi, come il campus di Roma, realizzato a Trigoria in 2 anni e mezzo. L’obiettivo che dobbiamo perseguire è di acquistare pacchetti che prevedano la realizzazione di ospedali comprensivi sia dell’edificio che delle tecnologie interne”.

La situazione. “A fronte del pareggio di bilancio – ha sottolineato Staniscia – si riscontrano nella Asl di Lanciano-Vasto carenze strutturali e in alcuni servizi. C’è difficoltà nel personale a portare avanti alcuni reparti che, in certi casi, sono stati accorpati nella passata gestione. Sono stato chiamato a gestire la transizione verso la Asl provinciale. La nuova azienda sanitaria consentirà una riorganizzazione del territorio, con la creazione di strutture pubbliche, quali le Rsa (residenze sanitarie assistite) che possano fungere da filtro verso le strutture ospedaliere”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su