vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sicurezza: per i vastesi "città ancora abbastanza tranquilla"

Più informazioni su

VASTO – L’ultima rapina in ordine di tempo c’è stata appena qualche giorno fa: per la terza volta nell’arco di poco meno di un anno una tabaccheria del quartiere San Paolo è stata presa di mira da due malviventi. Sono entrati armati di un piccolo coltello e hanno intimato alla proprietaria (che in quel momento si trovava da sola all’interno dell’esercizio commerciale) di consegnargli tutto il denaro. Hanno arraffato il registratore di cassa e poi sono fuggiti via. E come tutte le volte i cittadini (in particolare i proprietari degli esercizi commerciali che sono presi particolarmente di mira nel fine settimana e nei periodi di festa, perché considerati periodi particolarmente redditizi) si pongono una sola domanda: ma non è possibile evitare che simili episodi si verifichino? Abbiamo girato la domanda in una piccola intervista in tour nelle strade di Vasto. Il risultato di questa inchiesta condotta su una piccola percentuale della popolazione vastese è di sostanziale pareggio.

Vasto una città tranquilla? – E’ questa la prima domanda che abbiamo posto. La prima a risponderci è Mara, una studentessa 17enne di uno degli istituti superiori della città: “Sono nata e cresciuta a Vasto. Sono sempre uscita il sabato sera e negli altri giorni festivi e non ho mai avuto particolari problemi. Certo – continua – l’attenzione diventa più grande quando faccio tardi la sera. Magari evito di prendere il motorino e mi faccio accompagnare sotto casa da qualche amico che ha la patente, ma, nonostante tutto, la mia vita non è mai cambiata”. Di parere totalmente diverso è una coetanea di Mara, Viviana, anche lei studentessa. “Io alcune volte ho paura ad uscire di casa tanto che evito anche di frequentare posti appartati o bui o di camminare a piedi la sera tardi”. E se proprio sei costretta? “Ho sempre il telefono a portata di mano – ci risponde – se qualcosa non dovesse andare bene sono pronta a chiamare mio padre”. E i padri di famiglia sono tranquilli a sapere i loro ragazzi in giro la sera? Nicola F., impiegato cinquantaduenne, risponde senza esitazione: “Sì, sono tranquillo perché abbiamo notato che, soprattutto nel fine settimana, ci sono molti controlli da parte delle forze dell’ordine. Quest’estate, per esempio, – continua – non si sono mai verificati problemi di nessun tipo perché i controlli erano serrati. Ma anche adesso non penso che ci sia un problema sicurezza. Sì, ogni tanto, c’è una rapina ma penso che questo avvenga in ogni città”. “Io preferisco che mia figlia non faccia troppo tardi la sera – lo interrompe Giuseppe, 57 anni, operaio di una ditta della zona industriale – casa nostra è un po’ in periferia e, quando esce con gli amici, c’è sempre qualche preoccupazione. Ma non li si può neanche tenere chiusi in casa. Però gli diamo un tempo limite entro il quale deve rientrare”.

Il “mondo dei negozi” – Dato, però, che i primi ad essere “presi di mira” sono proprio i negozianti, abbiamo chiesto anche a loro che ne pensano. Vasto è una città dove poter aprire in santa pace un negozio? Roberta, commessa di un negozio di intimo, scrolla le spalle: “Non so che pensare. Da quello che si legge sui giornali pare che Vasto sia la pietra dello scandalo. Noi, però, per fortuna, non abbiamo mai avuto neanche un problema”. “Noi ci siamo preparati a qualsiasi evenienza – afferma Sara, giovane commessa di una profumeria – abbiamo gli allarmi e le telecamere di sorveglianza”. Ma cosa si pensa quando si resta da soli a fare chiusura? “Niente, si chiude il negozio. Noi ci sentiamo abbastanza tranquilli”. Non tutti, però, la pensano allo stesso modo. “Noi abbiamo paura di subire qualche rapina – afferma Maria, 55 anni, proprietaria di una tabaccheria – anche perché tanti sono i colleghi che hanno subìto la stessa sorte. Certo – continua – non mettiamo in dubbio che le forze dell’ordine non controllino il territorio, ma allora perché succedono queste cose?”. Insomma, in generale, i vastesi sono convinti di vivere ancora in una città tranquilla, ma c’è chi dice che “qualche controllo in più non guasta mai”.

michelabevilacqua@vastoweb.com

Più informazioni su