vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Presepi tradizionali ed ecologici: torna "Te piace 'o presebbio?"

Più informazioni su

VASTO – Dopo il successo della prima edizione, torna Laborandia! Te piace ‘o presebbio?, il progetto che, elaborato dalla dinamica insegnante Miranda Sconosciuto e patrocinato dal Lions Club Adriatica Vittoria Colonna con il Comune di Vasto, vuole diventare un appuntamento di riferimento natalizio per i tanti appassionati dell’arte di costruire presepi. L’edizione 2009 di Te piace ‘o presebbio? prenderà l’avvio oggi, 9 dicembre, nella sala Casa Rossetti sulla Loggia Amblingh, e vedrà l’impegno in prima linea di un gruppo di presepisti, pronti a trasmettere la loro arte ai bambini in appuntamenti in laboratorio. Quale migliore iniziativa per sviluppare la creatività e stimolare la fantasia dei più piccoli? Il progetto vedrà l’impegno diretto anche delle scuole con l’esposizione, in una mostra-mercato, degli elaborati che gli alunni realizzeranno a scuola con le proprie insegnanti curriculari.
I presepi tradizionali saranno affiancati da presepi ecologici, dove troveranno spazio la fantasia degli bambini e il messaggio ecologico. Questi i presepisti che gestiranno i laboratori artigianali: Nunzia Pinto dell’Arte del Presepe Napoletano” (“Come nasce una statuetta: dalla struttura alle rifiniture”); Miranda Sconosciuto (“Il presepe: dalla natura alla realizzazione degli ambienti”); Margherita Bucciarelli e Roberto Antolini (“Il presepe tra tradizione e legno”); Berenice Finarelli (“Il presepe in pasta di mais”); Francesco Di Cicco (“Presepe in trabocco”).
I laboratori, completamente gratuiti, si svolgeranno dal 9 al 19 dicembre, mentre domenica 20 dicembre, dalle 18 alle 20, ci sarà una festa conclusiva, animata dall’associazione di volontariato Ricoclaun Vasto Onlus e dalla musica dei Marron Glacés. Il 25 dicembre sarà inaugurata la mostra-mercato, che sarà visitabile, dalle 18 alle 20, sempre nella sala”Casa Rossetti”, fino al 6 gennaio e il cui ricavato sarà devoluto all’associazione Ricoclaun.

Paola Cerella

Più informazioni su