vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Un Pinocchio dei nostri tempi: si è aperta la stagione teatrale Atam

Più informazioni su

VASTO – La stagione teatrale vastese 2009/2010 si apre con Pinocchio, un adattamento inedito e spettacolare de “le avventure di Pinocchio”, l’opera letteraria più importante di Carlo Collodi.
Diretta da Maria Grazia Cipriani, la messa in scena propone la figura del burattino in maniera diversa dal solito, cogliendo aspetti e sfumature insite nel personaggio poco famigliari al pubblico.
Il Pinocchio che si può apprezzare nello spettacolo del Teatro del Carretto di Lucca, appare una vera e propria maschera teatrale che racchiude al suo interno le caratteristiche della commedia, della tragedia e del melodramma.
Nel suo corpo di legno “la maschera” contiene quegli attributi che probabilmente non passarono inosservati a Collodi, presenti già nella figura dello Zanni nella Commedia dell’arte del diciassettesimo secolo.
La componente sfacciata e burlesca del personaggio, unita alla capacità di effettuare acrobazie e piroette con le sue agili gambe, lo accomuna ad Arlecchino, con in più una straordinaria capacità di metamorfosi, un mutamento d’identità continuo; in un percorso vorticoso fatto di morte e rinascita.
La scena, nella quale il Pinocchio interpretato da Giandomenico Cupaiuolo si muove e “racconta” la propria esperienza, è un vero e proprio “recinto” teatrale, nel quale egli risulta imprigionato suo malgrado, costretto a recitare la sua parte.
Il senso di liberazione che si evince nel racconto di Collodi è volutamente celato nell’ultima parte della rappresentazione.
Il burattino ormai diventato bambino, togliendosi simbolicamente il naso ablungo e posticcio, non sembra soddisfatto; la sua rinascita è ambigua, come se non fosse mai avvenuta.
In conclusione ciò che resta dell’interpretazione della compagnia del Teatro del Carretto è  una favola “per adulti” in cui Pinocchio incarna l’uomo di oggi, in costante bilico tra il ruolo che la vita gli impone di recitare e l’illusione di evadere da tutto, anche da se stesso.

Stefano Lanzano

Scheda Tecnica
Pinocchio da Carlo Collodi. Adattamento e regia di Maria Grazia Cipriani.
Scene e costumi: Graziano Gregari. Suono: Hubert Westkemper. Luci: Angelo Linzalata. Con Giandomenico Cupaiuolo, Elsa Bossi, Giacomo Pecchia, Giacomo Vezzani, Elena Nené Barini, Niccolò Belliti, Jonathan Bertolai, Carlo Gambaro.

 

Più informazioni su