vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pd, incompatibilità di Forte: lo statuto lascia uno spiraglio

Più informazioni su

VASTO – E’ lo statuto regionale del Partito democratico a concedere a Peppino Forte uno spiraglio nella vicenda dell’incompatibità tra il ruolo di segretario cittadino e le cariche di presidente del Consiglio comunale e consigliere provinciale. A segnalarlo è Nicola D’Adamo, attuale consigliere comunale di Uniti per Vasto ed ex rappresentante del Pd tra i banchi dell’aula consiliare. Su proposta del circolo di Vasto, l’assemblea regionale o quella provinciale possono concedere una deroga, cioè un’eccezione alla regola, purché essa sia approvata con una maggioranza dei 2/3. In base all’articolo 21 dello statuto, la deroga può essere concessa “sulla base di una relazione che evidenzi in maniera analitica il contributo fondamentale che, in virtù dell’esperienza politico-istituzionale, delle competenze e della capacità di lavoro, il soggetto per il quale viene richiesta la deroga potrà dare nel successivo mandato all’attività del Partito democratico attraverso l’esercizio della specifica carica in questione”. E’ probabilmente intorno a questa disposizione che si giocherà il confronto interno al Pd. All’atto della presentazione delle candidature per la segreteria, ad annunciare ricorso era stato Raimondo Pascale, componente della lista che ha sostenuto Maria Amato, poi battuta da Forte nel voto degli iscritti.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su