vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Provincia e sindacati trovano un'intesa sul contratto integrativo

Più informazioni su

CHIETI – Appena prima delle feste natalizie, la Provincia ha definito la contrattazione decentrata integrativa relativamente al fondo per il miglioramento dell’efficienza dei servizi al personale dipendente per gli anni 2008 e 2009, attraverso un confronto con la Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) interna.
Tre sono i principali punti previsti dall’accordo: saranno erogati ai dipendenti tutti gli istituti economici previsti dal contratto di lavoro e non ancora erogati; i dipendenti che ne hanno i requisiti potranno accedere alla progressione orizzontale; sarà riconosciuta la produttività collettiva. In totale saranno impegnati 1 milione 967mila 236 eurio e 5 centesimi, che erano stati accantonati nel fondo appositamente costituito.
“Sono particolarmente soddisfatto – ha dichiarato l’assessore al Personale, Silvio Tavoletta – per la chiusura di questo accordo con tutte le parti sociali, che ringrazio per la loro disponibilità: l’aver chiuso la contrattazione decentrata ci permette di valorizzare al meglio i dipendenti, permettendo loro di accedere agli incentivi previsti dal contratto. Con questo accordo abbiamo chiuso anche il pregresso che l’amministrazione precedente non aveva affrontato, lasciando molti dipendenti senza gli incentivi promessi”.
“La chiusura – ha proseguito il presidente, Enrico Di Giuseppantonio – della contrattazione decentrata, che costituisce un diritto dei lavoratori dell’ente, deve essere un reale incentivo per tutti coloro che fanno andare avanti la macchina amministrativa provinciale ad impegnarsi di più e meglio per la Provincia. Incontrando i dipendenti di tutte le sedi per gli auguri, ho chiesto loro serietà, professionalità, zelo ed anche un supplemento di passione nel lavoro che svolgono poiché esso è al servizio di tutta la popolazione della Provincia e la qualità espressa dalla macchina amministrativa si riverbera inevitabilmente sulle attività e sull’economia del nostro territorio”.

Più informazioni su