vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Idv: "Chiusura dei locali all'una, la Giunta ha detto sì tre settimane fa"

Più informazioni su

VASTO – “La Giunta comunale ha deciso la chiusura anticipata dei locali all’una di notte nel periodo invernale. E’ successo tre settimane fa, ma l’ordinanza non c’è ancora”. Carte alla mano, Alfredo Bontempo, commissario dell’Italia dei valori di Vasto, rivela che le nuove regole restrittive erano state varate dall’amministrazione comunale una ventina di giorni prima della rissa in cui sono rimasti feriti due giovani vastesi. Uno è stato accoltellato, l’altro preso a bottigliate. “L’ordinanza attuale – aggiunge Bontempo – impone che le saracinesche vengano abbassate alle 2. Il problema è che a Vasto le regole ci sono, ma non vengono fatte rispettare. Circa tre settimane fa, dopo che 29 famiglie del centro storico avevano presentato una petizione, la Giunta ha disposto di anticipare la chiusura dei pubblici esercizi all’una di notte fino a maggio, quando entrerà in vigore l’orario estivo, che consentirà di rimanere aperti fino alle 3. Quel documento ora giace su qualche tavolo del municipio senza che sia stato convertito in un’ordinanza. Siamo favorevoli – scandisce il commissario cittadino dell’Idv – a un orario più restrittivo, nel reciproco rispetto che deve esserci tra operatore economico e cittadino. E il Comune deve stare attento al tipo di autorizzazioni che rilascia: quando si fa intrattenimento musicale – afferma Bontempo – i locali devono essere insonorizzati”. La Confesercenti, però, mette i paletti: “Siamo disponibili – afferma Simone Lembo, direttore locale dell’associazione dei commercianti – a un restringimento degli orari invernali di apertura infrasettimanale, ma il venerdì e il sabato non si deve chiudere prima delle 2. In un periodo di crisi sono gli unici giorni della settimana in cui i gestori riescono a lavorare. Insomma – conclude Lembo – il messaggio è: lasciateci lavorare d’estate, mentre sull’inverno possiamo ragionare”. Se nel centrosinistra si fa strada l’ipotesi del giro di vite, il centrodestra si dice “contrario alla chiusura anticipata”, spiega Etelwardo Sigismondi, coordinatore cittadino del Pdl. “Episodi di violenza – sostiene – possono verificarsi a qualsiasi ora. La chiusura anticipata creerebbe danni economici alle attività commerciali che, in una città turistica, non possono chiudere alle 2 o alle 3. Servono, invece, maggiori controlli”. 
micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su