vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Nuovo ospedale, Zavattaro: "Lo faremo al massimo in quattro anni"

Più informazioni su

VASTO – Al massimo quattro anni per costruire il nuovo ospedale di Vasto. Francesco Zavattaro, manager della Asl, promette tempi ragionevoli per raggiungere un obiettivo fissato 11 anni fa, ma mai inseguito con troppa convinzione dai governi regionali. “Sono convinto – ha affermato ieri arrivando al vecchio San Pio da Pietrelcina – che la nuova struttura possa essere realizzata nel giro di quattro anni. Dopo il terremoto l’Abruzzo ha una corsia preferenziale per l’accesso ai fondi relativi all’edilizia sanitaria”, ma non vuole fare previsioni di una spesa che pure fino a qualche tempo fa era stata quantificata in 95 milioni di euro complessivi, metà dei quali ancora da trovare. “Di soldi ce ne vogliono tanti. Dipende non dalla struttura che si vuole costruire, ma da cosa ci si vuole mettere dentro. Potrebbero servire 50 o 500 milioni”. Sui tempi Zavattaro è più ottimista del consigliere regionale del Pdl Nicola Argirò, che nei giorni scorsi aveva previsto: “L’appalto partirà entro un anno e mezzo. Per fine legislatura”, cioè tra quattro anni, “i lavori saranno iniziati”. Il manager della Asl conferma quanto detto da Lanfranco Venturoni, assessore regionale alla Sanità, il 30 ottobre scorso, quando affermava: “Io penso che l’ospedale di Vasto si possa fare in 3 o 4 anni. Spero di farcela: è una grossa scommessa, vediamo se ci riesco”. I suoi predecessori non ci sono riusciti. Nel 2000, Rocco Salini, assessore della Giunta Pace, prometteva “il nuovo ospedale in due anni chiavi in mano”, mentre il 21 luglio del 2006 l’allora presidente della Regione, Ottaviano Del Turco (che due anni dopo si sarebbe dimesso perché coinvolto nell’inchiesta sulle presunte tangenti nella sanità) prevedeva che “entro la fine della legislatura”, che era fissata nella primavera del 2010, “il nuovo ospedale sarà pronto, oppure saranno a buon punto i lavori di costruzione”. Promesse non mantenute. E’ il motivo per cui a Vasto prevale lo scetticismo. 
micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su