vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Rispristinare il collegamento con le Tremiti, già 500 adesioni

Più informazioni su

VASTO – Sono già 500 le adesioni al gruppo Ri-portiamo i collegamenti marittimi passeggeri a Vasto, nato su Facebook, il social network che va per la maggiore. Sta riscuotendo successo su internet la protesta contro la soppressione dell’aliscafo che collegava nei mesi estivi il porto di Punta Penna alle Isole Tremiti. Cancellato ufficialmente nel 2008. Ma già dall’anno prima praticamente inesistente, a causa dei continui problemi meccanici del mezzo di trasporto. “Abbiamo già superato quota 530 adesioni”, dice Luca D’Annunzio, presidente del comitato. “L’importanza di ripristinare i collegamenti marittimi passeggeri da Vasto è  una priorità da non sottovalutare perchè costituirebbero un punto di snodo per  il turismo e darebbero vita ad un collegamento diretto con la east-coast adriatica. Infatti è necessario che Vasto si attivi per ritornare la città che era un tempo e non – sostiene D’Annunzio – il paesone declassato di oggi. I collegamenti costituiscono una importante risorsa anche in termini di posti di lavoro e per la rivalutazione di tutto il territorio vastese. Il comitato è nato in seguito alla massiccia adesione ricevuta sul social  network più gettonato del momento dove in pochi giorni abbiamo raggiunto l’adesione di oltre cinquecentotrenta cittadini. Per le adesioni potete contattare il numero 345.4521259”.
L’articolo del 2 ottobre. Porto di Vasto. Imbarco traghetti”. Il segnale c’è. Sono i traghetti che mancano. Il collegamento in aliscafo per le Isole Tremiti è ormai un ricordo. Addio escursione nel mare più limpido dell’Adriatico. L’aliscafo ”Diomedea” è andato in “pensione” nel 2008 e non è stato più rimpiazzato. E ora, per raggiungere l’arcipelago è a rischio anche l’imbarco da Termoli. I collegamenti via mare passano per legge nella competenza delle Regioni: la Puglia, nel caso delle Tremiti. Ma se in Molise le istituzioni si sono mobilitate a difesa di una importante fonte di presenze turistiche, in Abruzzo non si è mosso nulla da quando, il primo luglio del 2008, è stata cancellata la linea tra Ortona, Vasto e l’isola di San Nicola. L’Adriatica Navigazione, che gestiva il servizio, è stata inglobata dalla Tirrenia, società pubblica di trasporti marittimi, che ha disposto la dismissione del vecchio aliscafo. Già nell’estate del 2007 era saltata la maggior parte delle 90 corse previste: troppo vecchio il mezzo di trasporto, quasi giornalmente alle prese con dei guasti meccanici da riparare che impedivano al personale di bordo di avventurarsi per mare. Gli ultimi dati ufficiali dicono che nel 2006 si erano imbarcati da Punta Penna 2mila 315 passeggeri. Gli ultimi.

Più informazioni su