vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Omicidio preterintenzionale davanti alla discoteca, condanna a 12 anni

Più informazioni su

VASTO – Dodici anni di reclusione. Questa la condanna inflitta oggi dalla Corte d’Assise d’Appello dell’Aquila a Daniele Pasquini, 29 anni, residente a Treglio, unico imputato alla sbarra per la morte di Nicolino Presenza, l’uomo ucciso la notte tra il 13 e il 14 novembre 2004 davanti alla discoteca 3101 di località Carriera a Torino di Sangro, quando due gruppi di avventori si affrontarono per futili motivi. I giudici aquilani hanno riconosciuto Pasquini colpevole di omicidio preterintenzionale, accogliendo la tesi dei legali di parte civile, Giovanni e Antonello Cerella del foro di Vasto, che chiedevano d’inasprire la pena. In primo grado, in Corte d’Assise a Lanciano, Pasquini era stato condannato a 6 anni di reclusione perchè riconosciuto colpevole del solo reato di rissa aggravata. Presenza morì per le gravi lesioni interne e i carabinieri della Compagnia di Ortona e del Comando provinciale di Chieti, individuarono subito alcuni dei principali responsabili del drammatico episodio: oltre a Pasquini vennero individuati altri due giovani, F.P e V.L., all’epoca ancora minorenni, a cui il Tribunale dei Minori dell’Aquila accordò un periodo di messa alla prova. (Agi)

Più informazioni su