vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pro Vasto, disfatta all'Aragona: 0-3 con la Sangiovannese. E' crisi

Più informazioni su

VASTO – L’immagine dei tifosi che tolgono lo striscione dalla curva D’Avalos non è solo l’emblema della partita con la Sangiovannese, ma forse dell’intera stagione della Pro Vasto. Almeno fino a questo momento. Perdendo in casa 0-3 con i toscani, lanciati verso la qualificazione ai play-off, i biancorossi precipitano di nuovo nella zona play-out a 6 giornate dal termine. La cronaca. Di Meo sceglie Cacciaglia a centrocampo, Bevo va in panchina. Nel 4-4-2 del tecnico di Trani, vista l’indisponibilità di Cammarata, è Croce a fare il centravanti, con Suriano a sostegno. Esterni Dimatera e Soria. La Sangiovannese è squadra concreta: a dispetto del 4-3-3, Fraschetti schiera una formazione che rischia pochissimo e non concede molto allo spettacolo, ma sa sfruttare gli errori degli avversari. Inizio a ritmi blandi. E resteranno uguali per tutta la partita. L’equilibrio potrebbe spezzarsi al 10′ a favore dei padroni di casa. Punizione di Cacciaglia da una ventina di metri. Palo a portiere battuto. Ma tre minuti più tardi il match diventa una salita dura. Traversone di Zane, Pippi (l’ex di turno) è solo sul settore destro dell’area, da dove fa partire un diagonale su cui si avventa Servi. Deviazione maldestra e palla in rete alle spalle di Gaudino. Lo 0-1 è una mazzata per la Pro Vasto, che non reagisce e finisce con subire il raddoppio al 19′: Cori è solo quando entra in area battendo agevolmente l’estremo difensore biancorosso. Digno e compagni provano a scuotersi. Al 28′ potrebbero accorciare le distanze con Soria, che sfrutta il lancio del capitano e si presenta solo davanti al portiere. Il rasoterra sfiora il palo alla destra di Vaccarecci. La reazione si esaurisce poi in due tiri dai 30 metri. Il primo è di Ambrosecchia. La palla sembra diretta in porta, ma c’è una deviazione provvidenziale per i toscani. Poi Vaccarecci risponde a pugni uniti al pallone calciato con rabbia da Suriano. Nel secondo tempo, Di Meo decide di far entrare Bevo al posto di Digno, ma la manovra non migliora. La Pro Vasto non crea quasi nulla. La formazione di San Giovanni Valdarno, invece, non perde l’occasione per chiudere definitivamente i conti. Azione travolgente di Dianda sulla fascia sinistra, cross dal fondo per Garufo, che infila Gaudino sul secondo palo. E’ il 23′. Passa un solo minuto e gli abruzzesi colpiscono il secondo legno con Laboragine durante una concitata azione in area. Un altro giro di lancette e Raimondi sfiora lo 0-4. I tifosi contestano Di Meo e tolgono lo striscione Aragonesi, abbandonando la curva D’Avalos. Finisce con l’Aragona ammutolito.

PRO VASTO-SANGIOVANNESE 0-3
Pro Vasto (4-4-2): Gaudino; Okoroij, Di Berardino, Servi, Ambrosecchia; Dimatera (dal 14′ st, Laboragine), Cacciaglia, Digno (dal 1′ st, Bevo), Soria; Croce, Suriano (dal 1′ st, Berra). A disp. Sassanelli, Arvia, Agnorelli, Della Penna. All. Di Meo
Sangiovannese (4-4-3): Vaccarecci; Sacenti, Chiarini, Salvatori, Dianda; Garufo, Bricca, Bernini (dal 7′ pt, Zane); De Cristofaro (dal 33′ st, Bernicchi), Cori (dal 10′ st, Raimondi), Pippi. A disp. Dessena, D’Ambrosio, Tabacco, Di Crescenzo. All. Fraschetti.
Arbitro: Perisan di Pordenone
Reti: 13′ pt Pippi, 19′ pt Cori, 23′ st Garufo
Note: ammonito Dianda per gioco falloso. Angoli 8-3 Pro Vasto. Recupero 1′ pt, 3′ st.

micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su