vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Strade disastrate, la Provincia di Chieti chiede soldi alla Regione

Più informazioni su

VASTO – Riguarderà anche la disastrata viabilità del Vastese il piano ideato dalla Provincia di Chieti per asfaltare, mettere in sicurezza e manutenere le strade provinciali ed ex statali (ora di competenza delle Province). Un’idea lanciata dal presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio e proposta all’assessore regionale ai Trasporti, Giandonato Morra, in un incontro nel quale è stato sollecitato lo sblocco dei finanziamenti nazionali e regionali sulla viabilità.
“Oggi – ha spiegato Di Giuseppantonio – basta percorrere tutte le strade provinciali ed ex statali della nostra regione per vedere in che stato versa la viabilità locale: per questo, nell’ambito degli incontri periodici concordati a febbraio tra il presidente della Regione, Gianni Chiodi, e il direttivo dell’Unione delle Province Abruzzesi, abbiamo tenuto un vertice con l’assessore Morra.
Il rispetto puntuale della legge regionale sulle funzioni decentrate costituisce per le Province abruzzesi un requisito indispensabile per poter programmare e dare attuazione ad uno dei compiti fondamentali dei nostri enti, la manutenzione della viabilità stradale provinciali ed ex statali. Con l’assessore Morra abbiamo concordato un percorso di ampio respiro che potrà dare avvio ad un grande piano regionale di manutenzioni ordinarie e straordinarie in tutto il territorio attraverso l’erogazione, da parte della Regione, dei finanziamenti nazionali che spettano alle Province.
La legge regionale numero 11 de ’99 specifica con chiarezza che la Regione provvede alla puntuale individuazione e assegnazione dei beni e delle risorse finanziarie, umane, strumentali e organizzative, derivanti dai conferimenti disposti: abbiamo chiesto semplicemente il rispetto di quanto dispone il dettato legislativo ed abbiamo trovato nell’assessore Morra un interlocutore attento e aperto alle nostre ragioni. Ritengo perciò – conclude Di Giuseppantonio – che a breve potremmo dare avvio al grande piano della viabilità che abbiamo già pronto nel cassetto”.

 

Più informazioni su