vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Gli eventi della condotta vastese di Slow Food al Festival della Scienza

Più informazioni su

VASTO – Si  terrà oggi pomeriggio alle ore 17.30, nella splendida cornice offerta da Palazzo D’Avalos, il primo degli appuntamenti  organizzati da Condotta Slow Food  Vastese e Presidi Slow Food con la partecipazione del’amministrazione comunale. Al via nelle sale dell’antica residenza dei D’Avalos una serie di incontri su cibo ed arte culinaria. Nell’intento degli organizzatori c’è sicuramente la volontà di rilanciare e, qualora ce ne fosse bisogno, far conoscere il concetto di Slow Food: il cibo nato per essere goduto e per deliziare il palato, magari accompagnato da ottimo vino locale, il tutto alla riscoperta del saper mangiare. Con l’espressione “il cibo ha una storia” si può riassumere il concetto stesso del primo incontro di questa sera, l’incontro cha ha per titolo Il cibo e l’archivio: fonti storiche sull’alimentazione in Provincia di Chieti tra i secoli XVI e XIX è una mostra-dibattito sulla storia del cibo, un percorso documentario ed iconografico nato dalla collaborazione tra Archivio di Stato di Chieti e Sovrintendenza Archivistica per L’Abruzzo. Relatori dell’incontro saranno Luigi Murolo, storico e studioso della storia e delle tradizioni vastesi, e Miria Ciarma, direttore dell’Archivio di Stato di Chieti. Prenderà parte al dibattito anche Maria Teresa Spinozzi in qualità di sovrintendente archivistico. Sempre nella giornata di oggi, i dibattiti proseguiranno con Tutela delle biodiversità colturali e agronomiche: l’esperienza abruzzese a cura di Mario Pellegrini, Direttore dell’Oasi Lago di Serranella e Bosco di Don Venanzio a seguire Gastronomia come Scienza del Territorio Conversazione con Giovanni Perri Docente di Turismo Enogastronomico e Geografia Università di Scienze Gastronomiche – Pollenzo. In chiusura di questa giornata sarà la volta di Slow Food per la tutela della Biodiversità Conversazione con Simone Angelucci del Comitato tecnico  per la Biodiversità  Slow Food Abruzzo.

Emanuele La Verghetta

Più informazioni su