vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Niente mito del pezzo di carta: nel Vastese mille i laureati a spasso

Più informazioni su

VASTO – Tramonta anche nel Vastese il mito del pezzo di carta. Le aziende non cercano laureati: i senza lavoro iscritti al Centro per l’impiego di Vasto dopo aver raggiunto i più alti livelli di studio sono circa un migliaio. Un dato che non può, naturalmente, tenere conto di tutti coloro che non si registrano a quelle che una volta si chiamavano liste di collocamento. E non può tenere conto nemmeno di tutti laureati che sono rimasti nelle sedi universitarie a cercare lavoro dopo il titolo di studi, oppure sono andati via dal Vastese nella speranza di trovare opportunità che attualmente il mondo produttivo offre sempre più col contagocce. Sono, in tutto 955 i laureati iscritti al Centro per l’impiego di Vasto. L’ultimo dato disponibile è del 31 dicembre 2009. Alla stessa data di un anno prima ne erano 888. Viste le difficoltà e le spese che le famiglie devono sobbarcarsi, sono sempre meno i ragazzi che decidono, una volta conseguito il diploma, di proseguire il loro percorso di studi. Ma il numero di gran lunga preponderante nell’analisi dei numeri relativi alla disoccupazione nel Vastese è quello di chi si è fermato alla terza media: 8mila 186 persone, ossia oltre la metà delle 15mila 974 totali iscritte al Centro per l’impiego. I diplomati non se la passano molto meglio: 4mila 864. In tutte e tre le categorie relative al titolo di studio, resta preponderante la disoccupazione femminile: 630 laureate, 4mila 511 con la licenza media, 4mila 864 diplomate. E se molti giovani si scoraggiano a continuare gli studi, è preoccupante pensare a una manodopera con un livello di conoscenza che diminuisce progressivamente. Dovrebbe essere il contrario.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su