vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Centro storico, i residenti: dateci soste autorizzate. Sputore: ci sono

Più informazioni su

VASTO – “Dove mettiamo le nostre macchine?”, dicono i residenti del centro storico, che stanno costituendo un loro comitato di quartiere. “Sui parcheggi a strisce blu, previa richiesta dell’autorizzazione”, risponde Vincenzo Sputore, assessore comunale alla Viabilità. E’ la fase della sperimentazione della nuova viabilità nel centro storico di Vasto, dove sono in parte cambiate le regole dopo l’apertura del parcheggio multipiano di via Ugo Foscolo. Inevitabili i disagi. “Un numeroso gruppo di residenti”, si legge in un comunicato, sta promuovendo la costituzione del “Comitato di quartiere del centro storico di Vasto”, che avrà il compito di “occuparsi delle problematiche relative alla qualità della vita del borgo antico della città, con particolare riguardo alla difesa e al potenziamento dei servizi pubblici essenziali, nonché alla valorizzazione dell’intero territorio e delle sue risorse”. La costituzione ufficiale è in prevista per martedì 11 maggio quando, alle 21, si terrà un’apposita assemblea a palazzo Ricci-Monteferrante, in via Santa Maria.

I parcheggi. Primo problema: la viabilità. “Malgrado le buone intenzioni di rendere fruibile a tutti i cittadini il centro della città – si legge nella nota del comitato – i nostri amministratori hanno per il momento tralasciato di individuare nell’atto già esecutivo le zone in cui i residenti potranno lasciare in sosta le proprie autovetture”.

La replica. “I residenti – spiega Sputore – possono posteggiare la propria auto nelle aree parcheggio a strisce blu. Non pagheranno: basterà richiedere al Comune l’autorizzazione, che sarà valida per un posto auto. Ogni residente potrà fornire fino a tre targhe: quelle auto avranno accesso libero. Per i non residenti, invece, siamo in attesa che l’Aipa ci fornisca i grattini per la sosta a pagamento. Si potranno acquistare dai commercianti della zona. Al momento, le nuove strisce blu non sono a pagamento. Siamo nella fase sperimentale. Ci riserviamo di trovare soluzioni anche per i commercianti e gli studi professionali”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su