vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pozzi di petrolio davanti alla riserva, una legge regionale per bloccarli

Più informazioni su

VASTO – Bloccare i pozzi petroliferi davanti alle aree protette come la riserva naturale di Punta Aderci e valutare insieme al Governo nazionale le richieste di nuove perforazioni in Abruzzo. E’ l’obiettivo del disegno di legge varato dalla Giunta regionale per imporre uno stop alla petrolizzazione della costa e del territorio. Se la proposta verrà approvata dal Consiglio regionale, metterà fine al conflitto tra Stato e Regione: il Governo Berlusconi ha, infatti, impugnato davanti alla Corte costituzionale la legge regionale approvata a gennaio per limitare i nuovi insediamenti petroliferi. Il ricorso poggia sulla tesi secondo cui la Regione non sarebbe competente a imporre limiti generali all’attività estrattiva, perché la materia è regolata dalle norme europee e nazionali. Per superare i contrasti, è stato istituito un tavolo di confronto che ora, secondo quanto annunciato dal governatore dell’Abruzzo, Gianni Chiodi, ha raggiunto l’obiettivo di trovare un punto d’incontro tramite il disegno di legge appena predisposto: sull’80% del territorio abruzzese, comprese le riserve naturali, non si potranno impiantare nuovi pozzi di petrolio. Sul restante 20% si deciderà insieme. Il problema riguarda anche il mare vastese in cui, dopo le trivellazioni del passato, potrebbero tornare a spuntare le piattaforme estrattive, visto che la compagnia Petroceltic Italia ha chiesto al Ministero dello Sviluppo economico l’autorizzazione a perforare i fondali di un ampio specchio di mare compreso tra Pineto, Vasto e le Isole Tremiti. La futura legge dovrebbe scongiurare i rischi ambientali davanti alla riserva naturale di Punta Aderci e alla Costa teatina, imponendo un accordo tra Governo e Regione su ogni nuova attività estrattiva. “E’ la prima volta – commenta Chiodi – che una Regione raggiunge questo obiettivo”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su