vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Asl: nuovi servizi per i malati di tumore. A giugno corsi per il personale

Più informazioni su

VASTO – Alleviare le sofferenze dei malati di tumore. E’ con questo obiettivo che la Asl provinciale avvia nell’area Lanciano-Vasto una rete aziendale per l’assistenza e le cure palliative. L’equope sarà composta composta da un coordinatore medico, due medici, uno psicologo, un coordinatore infermieristico, 13 infermieri, 12 operatori socio-sanitari, un terapista occupazionale, un assistente sociale. “La rete – si legge in un comunicato dell’azienda sanitaria – è stata progettata nel segno di una forte integrazione fra i servizi e orientata alla centralità dei bisogni, sia psicologici che assistenziali, del paziente e della sua famiglia, nell’obiettivo di realizzare il principio della presa in carico, migliorare i percorsi, trattare con più efficacia i malati in fase avanzata, ridurre i ricoveri presso le strutture per acuti. In concreto i malati oncologici potranno contare su un pacchetto di prestazioni, a carattere sanitario e sociale,  che potranno essere offerte a domicilio o, in alternativa, presso gli hospice, nuove strutture residenziali che saranno attivate, in autunno a Lanciano e a seguire a Chieti.  Si tratta di luoghi d’accoglienza e ricovero per malati che nella fase più dolorosa della loro esistenza vengono seguiti con un appropriato sostegno medico, psicologico e  spirituale, strutturato come percorso di accompagnamento orientato al prendersi cura della persona, più che alla cura della malattia.

Si parte subito con la formazione e il reclutamento del personale, che avverrà  attraverso una selezione interna su base volontaria: è stato infatti emanato un avviso per acquisire le candidature degli infermieri a far parte dell’équipe che si occuperà di assistenza ai malati terminali, in ambito domiciliare come nell’hospice. Le domande devono pervenire entro il 16 giugno prossimo agli Uffici Infermieristici di Lanciano e Chieti, che si occuperanno della selezione privilegiando conoscenze ed esperienze acquisite nel campo delle cure palliative, oltre alla motivazione personale e professionale che rappresenterà un elemento di valutazione assai importante, vista la particolarità dei malati e il tipo di assistenza da prestare.  Costituita la squadra, si passa subito dopo alla formazione, che si concluderà a fine agosto, nel rispetto del cronogramma che prevede l’attivazione della rete in autunno”.    

“Offrire assistenza appropriata e di qualità ai malati terminali è uno degli obiettivi a breve termine di quest’azienda – sottolinea il direttore generale Francesco Zavattaro – che ha strutturato un percorso dedicato per rispondere in modo stabile e organizzato alla domanda di cure di fine vita, che hanno implicazioni di tipo sanitario e sociale. La nostra rete nasce dalla volontà di accompagnare in modo adeguato i pazienti nella fase più dolorosa della malattia, quando si restringono i margini di efficacia delle terapie farmacologiche, ma c’è ancora spazio per alleviare la sofferenza del corpo e dell’anima”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su