vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Psi: "Ombre sulla videosorveglianza, un dossier in oltre 2mila copie"

Più informazioni su

VASTO – “L’amministrazione Lapenna da un lato spreca, dall’altro aumenta le tasse”. Partito socialista all’attacco a testa bassa. Ancora una volta l’oggetto delle polemiche è il sistema di videosorveglianza che verrà installato nelle prossime settimane, probabilmente già a giugno. A partire da domaniverrà distribuito in oltre 2mila copie in edicole e locali pubblici della città un dossier sul sistema di telecamere che il Comune vuole installare come deterrente al problema sicurezza. “Un progetto faraonico da 600mila euro”, attacca Rocco Cerulli, l’assessore socialista estromesso nel 2009 dalla Giunta Lapenna, che parla a ruota libera durante la conferenza stampa convocata insieme al segretario provinciale del partito, Antonio Tiziano Vicoli, al segretario cittadino, Luigi Rampa, all’avvocato Salvatore De Simone e a Gabriele Barisano. “Questa amministrazione invece di risparmiare attraverso l’utilizzo di sistemi moderni continua a spendere 230mila euro all’anno per le bollette telefoniche, disponendo allo stesso tempo un aumento del 30% della Tarsu che si aggiunge agli incrementi già attuati due anni fa, che erano pari al 15% per i cittadini e al 40% per le attività commerciali. Con un terzo di quei 600mila euro – sostiene Cerulli – Lapenna e la sua amministrazione avrebbero potuto garantire ai cittadini un servizio più efficiente. E’ una battaglia che ho iniziato quando ero dentro la Giunta”.

Il dossier. Il documento che il Psi di Vasto si appresta a diffondere in città ricostruisce quella che, secondo il partito della Rosa, è la storia del progetto di videosorveglianza, a partire dal settembre 2008, quando la proposta fu uno dei temi di cui si parlò in una riunione di Giunta. Cerulli mostrò subito le sue perplessità sia sul metodo seguito (“uno studio di fattibilità anonimo”) sia sul costo, da lui giudicato eccessivo. “Lo studio di fattibilità e il progetto generale della videosorveglianza – è scritto nel dossier – non furono mai oggetto di discussione in riunioni” della Giunta, né della maggioranza. Il secondo punto interrogativo riguarda la risposta dell’amministrazione comunale di Vasto all’invito del prefetto di Chieti, Vincenzo Greco, che nella primavera del 2009, in una informativa inviata ai Comuni, “sollecitava i sindaci a dotarsi in tempi brevi (se non ricordiamo male, fine giugno 2009) di un progetto di videosorveglianza al fine di richiedere i finanziamenti messi a disposizione dal ministro Maroni nell’ambito del pacchetto sicurezza. I progetti approvati erano interamente finanziati e, quindi, gratuiti per i Comuni. Allora, dopo incontri riservati (con chi?)”, chiede il Psi nel dossier, l’amministrazione avrebbe “rivisitato il progetto, contraendo il numero di telecamere da installare, riducendo di conseguenza la spesa a circa 400mila euro”. “Ad oggi – è scritto in grassetto sul documento che i socialisti si apprestano a pubblicare – non è dato conoscere il progetto esecutivo e il bando di gara”. Di qui una serie di interrogativi, nel tentativo di conoscere il nome dell’autore dello studio di fattibilità, ma anche l’identità di chi ha quantificato in 600mila euro la somma necessaria e “perché l’assessore Molino, l’incaricato, è stato sollevato dall’incarico stesso?”. Infine la proposta: realizzare la videosorveglianza a costi inferiori attraverso il sistema VPN, in grado di garantire una rete integrata dei servizi, risparmiando anche sulle bollette telefoniche.

Il futuro. Il Psi è chiaro: “La nostra collocazione – afferma Rampa – resta nel centrosinistra”, ma “non potremo più appoggiare la candidatura di Lapenna a sindaco di Vasto nel 2011: non ci possiamo fidare di chi ci ha già accoltellato una volta. Per questo, chiederemo al centrosinistra di cambiare candidato. Altrimenti, percorreremo altre strade. Con Nicola Del Prete abbiamo avuto un colloquio informale”. “Attendiamo ancora – sottolinea Vicoli – una spiegazione sul defenestramento del nostro assessore (Cerulli, n.d.r.) dalla Giunta comunale di Vasto”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su