vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Alleanza per Vasto fa campagna acquisti: entrano Bocchino e Santulli

Più informazioni su

VASTO – Prosegue la campagna acquisti di Alleanza per Vasto, il movimento politico che candiderà sindaco Nicola Del Prete alle elezioni del prossimo anno. Entrano Sabrina Bocchino e Maurizio Santulli. La prima è segretaria cittadina de La Destra, il secondo è coordinatore provinciale dimissionario della Democrazia cristiana. Per Davide D’Alessandro, coordinatore di ApV, non è un minestrone: “Abbiamo detto fin da subito che non guardiamo né alle tessere di provenienza, né alle destinazioni, ma cerchiamo di aggregare persone in grado di impegnarsi nell’interesse della città”. Lo dice in una conferenza stampa convocata per presentare le nuove adesioni, alla presenza di Del Prete, ma anche di Francescopaolo D’Adamo, proveniente dall’Idv, che dopo la sua scelta di aderire ad Alleanza per Vasto, non gli ha rinnovato la tessera. Destra, centro e sinistra. “Il segreto – dice D’Alessandro – è intrecciare risorse, abbandonando destra, sinistra e centro: parole vuote che non danno risposte ai problemi dei cittadini”. Tra gli altri, c’è anche Giuseppe Spadaccini, ex segretario provinciale dei Liberaldemocratici di Dini. Del Prete torna a dire, però, che non sarà solo un partito di ex, ma nelle liste elettorali si vedranno “facce nuove”, come quella di Gianni Luisi, che si presenta come vastese d’adozione (“da tanti anni”) e appassionato di tennis iscritto al circolo del parco delle Lame.

I nuovi acquisti. “Sono de La Destra e dimango de La Destra”, precisa Sabrina Bocchino, che anni fa è stata consigliere comunale, ma “questo è un progetto valido di persone che vogliono fare. Nessuno mi ha chiesto che tessera ho”. “A me, dopo che ho aderito ad ApV, l’hanno ritirata”, è la frecciatina di D’Adamo all’Italia dei valori. “Avete visto Chiodi?”, chiede Santulli. “Vasto è stata emarginata dalla Regione e da Di Giuseppantonio. Pur avendo, insieme a tutto il Vastese, un terzo degli abitanti della Provincia di Chieti, non ha il potere di decidere niente”. Del Prete giura che non si divideranno. Ad esempio, sulla tutela ambientale dalla petrolizzazione della costa. E nemmeno sulla questione centrale nucleare, che potrebbe sorgere a Termoli (anche se la Prestigiacomo ha smentito l’esistenza di una mappa dei siti) e stoccare le scorie nel Vastese. Il governo di centrodestra è favorevole. Come farà a trovare una posizione unitaria una formazione politica che ha al suo interno persone provenienti da destra e da sinistra? “Il primo punto del nostro programma – ribatte l’ex vice sindaco – è il turismo. E il turismo è incompatibile con la petrolizzazione della Costa dei trabocchi e con l’insediamento nucleare. Però, noi non siamo ambientalisti: vogliamo un turismo ecosostenibile, ma fruibile per tutti anche dove c’è un ambiente protetto. E proprio sullo sviluppo turistico, settore di cui Del Prete è stato fino al 2009 assessore della Giunta Lapenna, sarà incentrato il convegno del prossimo 18 giugno, quando al cinema Corso arriverà il senatore Francesco Rutelli. Alessandro La Verghetta, consigliere comunale che ha aderito ad Alleanza per Vasto, annuncia che da 4 giorni è aperto il gruppo ApV su Facebook: “Ad aderire sono soprattutto ragazzi che si vogliono mettere in gioco perché non trovano spazio nei partiti”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su