vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Confcommercio: "Servono più aperture festive per i negozi del centro"

Più informazioni su

VASTO – Più aperture festive. Tutte quelle previste dalla nuova legge regionale sul commercio. Le chiederà Confesercenti per il centro storico di Vasto. La proposta verrà ufficialmente formulata dall’associazione dei commercianti nella conferenza di servizi che il 20 giugno prossimo vedrà la partecipazione dei rappresentanti del settore e di quelli dell’amministrazione comunale. Lo hanno anticipato Patrizio Lapenna e Simone Lembo, rispettivamente direttore provinciale e del Vastese di Confesercenti. “Per la grande distribuzione – ha spiegato Lembo – la legge prevede la possibilità di rimanere aperti per 44 giorni festivi, ma per i negozi dei centri storici di più”. “Chiederemo ai commercianti – ha annunciato Lapenna – di restare aperti anche quando i grandi centri commerciali chiudono. Con la nuova legge rafforziamo la lotta a favore del commercio nel centro storico”. Il tutto mentre l’associazione annuncia di aver vinto la battaglia per il no alla grande distribuzione nel Vastese. Sì, invece, agli insediamenti commerciali di medie dimensioni, fino a 1500 metri quadri. Dopo gli accordi raggiunti con Vasto e San Salvo, ora tocca a Casalbordino, dove l’amministrazione comunale aveva dato il via libera alle grandi superfici di vendita. Ne era nato un contenzioso con Confesercenti che, tramite il proprio avvocato, Sergio Lapenna, aveva presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale con due motivazioni: il Comune non aveva consultato le associazioni di categoria e aveva previsto l’apertura di centri commerciali fino a 10mila metri quadri, “ma – ha spiegato il legale – in aperto contrasto con gli interessi dei piccoli e medi commercianti”. “Recependo le nostre istanze – dice Lembo – l’amministrazione comunale ha modificato il precedente piano, esplicitando in modo chiaro che sul territorio di Casalbordino è consentita solo l’apertura di esercizi della media distribuzione e fino a 1500 metri di superficie di vendita. Ora, per la definitiva approvazione, le modifiche approderanno in Consiglio comunale. Confesercenti ha rinunciato così al giudizio davanti al Tar”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com 

 

Più informazioni su