vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Musica: Baustelle, il 24 luglio all'Arena l'unica data abruzzese del tour

Più informazioni su

VASTO – Sarà l’unica data abruzzese del tour estivo dei Baustelle, quella del 24 luglio a Vasto. La band senese si esibirà nell’Arena delle Grazie. Il biglietto costa 23 euro e si può acquistare consultando il sito internet http://www.bookingshow.it/ e nelle prevendite autorizzate.

Il gruppo. Baustelle (parola tedesca da pronunciare in assoluta liberta’) e’ un gruppo con base a Montepulciano (Siena). Il progetto Baustelle nasce nella seconda meta’ degli anni Novanta. Dopo la solita trafila di demo, arriva l’esordio discografico nel 2000 con Sussidiario illustrato della giovinezza (Baracca&Burattini/Edel), con la produzione artistica di Amerigo Verardi.
L’album si guadagna importanti riconoscimenti (Miglior disco italiano d’esordio per Musica & Dischi, Premio Fuori dal Mucchio organizzato da Il Mucchio Selvaggio) e suscita grande curiosita’ e apprezzamenti fra pubblico ed addetti ai lavori per la sua (ri)costruzione di quarant’anni di pop: vi si ritrovano, infatti, la canzone d’autore francese e italiana, l’elettronica, la new wave, le colonne sonore anni sessanta/settanta, la bossanova.
A distanza di quasi tre anni, dopo un cambio di etichetta discografica, (autoproduzione in partnership con Bmg Edizioni, distribuzione Venus) il 23 maggio arriva il secondo album: La moda del lento, registrato e mixato in diversi studi, fra cui le Officine Meccaniche di Mauro Pagani. Con questo disco i Baustelle proseguono, ampliandolo e amplificandolo, il percorso intrapreso con il disco precedente. L’obiettivo e’ anche questa volta la canzone d’autore e pop, nel senso piu’ nobile del termine; anche questa volta la band collabora con Amerigo Verardi, che compare in veste di co-produttore artistico.
Il disco riceve un ottimo consenso fra la critica, specializzata e non (fra gli altri: Repubblica, Corriere della Sera, Rockerilla, il Mucchio Selvaggio, Elle, Vogue, ecc). Il primo videoclip estratto dall’album e’ quello di Love affair, diretto da Lorenzo Vignolo. Il video entra in programmazione su MTV a settembre, all’interno della fascia seralenotturna, e in breve tempo supera le piu’ rosee aspettative. Viene promosso infatti, nel palinsesto diurno dell’emittente.
Nel novembre 2003, in occasione del M.E.I., i Baustelle ricevono il Premio Musica Indipendente (alla sua prima edizione, votato da un ampio gruppo di giornalisti e addetti ai lavori del mondo musicale italiano) come Miglior gruppo dell’anno. Con la primavera 2004 arriva un nuovo video. Si tratta di Arriva lo ye-ye, (diretto anche questa volta da Lorenzo Vignolo) che esce in contemporanea al cd single contenente un remix a cura dei Delta V. Nel 2005 esce per Warner Music Italy / Atlantic il terzo lavoro dei Baustelle, La malavita, registrato da Carlo U. Rossi, produttore storico del rock italiano. Il disco, come il titolo lascia immaginare, raccoglie undici canzoni-manifesto del male di vivere. Piu’ teso, rock e potente di La Moda del Lento, il disco sintetizza con eleganza italiana il wall of sound di Phil Spector (un’orchestra d’archi suona in sei pezzi), Gainsbourg, la canzone d’autore italiana, il punk primordiale newyorkese di Modern Lovers, Television, Blondie e Ramones. Il 2007 vede Francesco Bianconi come autore di uno dei successi dell’anno. Sono infatti sue le parole di Bruci la citta’, singolo che ha consacrato Irene Grandi come la regina dell’estate 2007, brano con cui ha vinto il Premio Radio 2007 in occasione dell’ultima edizione del Festivalbar. Nel frattempo i Baustelle hanno completato il loro quarto album. Anticipato dal singolo Charlie fa surf (in radio dall’11 gennaio), Amen esce il 1 febbraio 2008 per Warner Music Italy: anche per questo disco, la produzione artistica e’ stata affidata a Carlo U. Rossi insieme ai Baustelle.
Dopo La Malavita, che ha consacrato i Baustelle come una delle band piu’ innovative, raffinate e di spessore del panorama musicale italiano, il nuovo disco Amen (disco di platino) contiene 15 tracce, che affiancano canzoni d’amore ad altre caratterizzate da frequenti riferimenti al contesto sociale. 

Amen vede la presenza di importanti ospiti e numerose collaborazioni: Sergio Carnevale, Carlo U. Rossi, un’orchestra d’archi, una sezione fiati, Francesca Genti, il musicista etiope Mulatu Astatke, Beatrice Antolini, il Maestro Alessandro Alessandroni, Beatrice Martini e altri. Dall’8 all’11 giugno i Baustelle girano in Sicilia il loro primo documentario, in cui, come attori non protagonisti, parlano con i siciliani della morte, tema del singolo Baudelaire ulteriore estratto da Amen. Pochi giorni dopo, il 22 giugno, i Baustelle salgono per la prima volta sul palco dell’Heineken Jammin Festival al Parco San Giuliano di Mestre, da dove prende il via un tour estivo fitto di date, oltre 35, che si conclude il 15 settembre con un ultimo concerto a Milano. Nel corso del tour Baustelle sono ospiti, il 26 luglio, del Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber, mentre il 13 settembre partecipano all’Mtv Day in programma a Genova.

Il 7 novembre la band e’ al Teatro Ariston di Sanremo a ritirare la Targa Tenco 2008 assegnata da un prestigioso panel di critici e addetti ai lavori ad “Amen” come Album dell’anno.
Il 24 marzo 2009 esce il singolo Piangi Roma, cantato dall’attrice Valeria Golino in coppia con Francesco Bianconi, anticipazione dell’uscita del film Giulia non esce la sera, per il quale i Baustelle curano la colonna sonora.
Per il 26 marzo 2010 e’ invece annunciata l’uscita del quinto album dei Baustelle, I mistici dell’Occidente, la cui produzione e’ per la prima volta accreditata a Francesco Bianconi, insieme all’ingegnere del suono irlandese Pat McCarthy (R.E.M.).
I Baustelle sono:
Rachele Bastreghi: voce, synth, piano elettrico, clavinet, organo, percussioni.
Francesco Bianconi: voce, chitarre, synth, organo.
Claudio Brasini: chitarre.

Per la data di Vasto, prevendite in corso sul circuito http://www.bookingshow.it/  e nelle migliori prevendite abruzzesi. Costo del biglietto (posto unico): 23 euro.  

 

Più informazioni su