vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Celenza (Porta Nuova): "Sulle zone franose qualcuno ha detto il falso"

Più informazioni su

VASTO – “Sulle modifiche al Pai a Casarza la versione del sindaco e quella del comitato tecnico dell’Autorità di bacino si contraddicono a vicenda”. Michele Celenza, presidente dell’associazione civica Porta Nuova, non è soddisfatto della replica di Luciano Lapenna, sindaco di Vasto, sulle zone franose che sono diventate edificabili nell’area di via Santa Lucia.

“L’Autorità Regionale di Bacino avrebbe, secondo il Sindaco di Vasto, deciso le modifiche al Pai senza consultare il Comune, ed anzi in aperto contrasto con l’orientamento che esso aveva espresso . Ma il verbale del Comitato Tecnico dell’Autorità di Bacino dice esattamente il contrario. Vi si parla di una concertazione intervenuta tra la stessa Autorità di Bacino, i geologi delle parti private, e il Comune: Il dott. Del Sordo fa presente che, in sede di sopralluogo congiunto con il Comune di Vasto e i Geologi […] è emersa la necessità di redigere una proposta integrativa unica che studiasse in modo completo l’intereo fenomeno . Su questa proposta – la proposta conclusiva presentata dal Comune – il Comitato ha espresso il suo voto favorevole. Le due versioni – sottolinea Porta Nuova – non possono essere vere entrambe. Se è vera la versione del Comune, allora il verbale del Comitato Tecnico – e in particolare il relatore del procedimento, il dott. Luigi Del Sordo, Dirigente del Servizio Difesa del Suolo della Regione Abruzzo – attesterebbero il falso. Il Comitato Tecnico avrebbe dapprima deliberatamente contraddetto il volere del Comune, poi subdolamente operato per far ricadere la responsabilità su di esso. E’ credibile, questo? Attendiamo le reazioni degli interessati.
Ma ammettiamo pure, per un istante, che sia così. Ammettiamo che il Comune di Vasto sia stato così sciocco da farsi aggirare da un lato dai privati, dall’altro dal Comitato tecnico; e ciò su una questione, come questa, di primaria icportanza. Ma allora il Comune non avrebbe potuto –subito dopo- tutelare la propria politica urbanistica presso il Comitato Istituzionale, organismo politico a tutti gli effetti, cui spetta in ogni caso l’ultima parola sulle decisioni del comitato Tecnico? O il sindaco di Vasto vuole davvero farci credere di avere appreso quanto era accaduto, con più di tre mesi di ritardo, da un comunicato dell’associazione civica Porta Nuova? Se invece è il comitato tecnico che dice il vero, allora il falso strarebbe nelle dichiarazioni del Comune. In questo caso, se fossimo in un’altra nazione, il Sindaco –o almeno chi lo sostiene- dovrebbero trarne le dovute conseguenze”.

Celenza lancia alcune fracciatine sia al centrosinistra che al centrodestra. “Appare evidente, in tutta questa vicenda – scrive in un comunicato – che il maggiore sostegno al Sindaco viene dalla cosiddetta opposizione, sempre prodiga di critiche sulle piccole cose, sempre silenziosa –come in questo caso- sulle grandi.
In compenso, c’è chi parla troppo. Gli altri sostenitori, quelli di Rifondazione, hanno evocato in un primo momento un quadro “ancor più grave di quello presentato da Porta Nuova”; convocato una conferenza stampa; disertato la conferenza stampa già convocata per partecipare a quella del sindaco. Infine si sono sdraiati sulla versione di quest’ultimo. Nel frattempo, hanno anche trovato il modo di tacciarci, noi di Porta Nuova, di imprecisione. Che vorrà dire?”.

Più informazioni su