vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Recinzioni, oggi il no dei parlamentari. Alle 11 la conferenza stampa

Più informazioni su

VASTO – Parlamentari, consiglieri regionali e amministratori comunali del centrosinistra stamani, alle 11, si ritroveranno a Vasto Marina per dire “no” alle recinzioni in spiaggia. Si sono dati appuntamento sul tratto settentrionale di lungomare Cordella per la conferenza indetta dal sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, contro la legge regionale sul ripristino delle recinzioni approvata nei giorni scorsi. Prevista la partecipazione, tra gli altri, del senatore Giovanni Legnini, dei consiglieri regionali Maurizio Acerbo (Rifondazione comunista), Franco Caramanico (Pd, ex assessore regionale all’Ambiente) e Paolo Palomba (Idv). La protesta nasce dall’approvazione in Consiglio regionale, con voto segreto, di un emendamento al Piano del demanio marittimo, su proposta dei consiglieri Antonio Prospero (Pdl), Giuseppe Tagliente (Rialzati Abruzzo) e Antonio Menna (Udc). La modifica voluta dal centrodestra consente ai balneatori che non hanno rimosso le recinzioni di mantenerle e a chi le ha tolte su ordinanza del sindaco o su sentenza sfavorevole del Tar di ripristinarle, purché non siano alte più di un metro e 80 centimetri e distino al massimo 10 metri dalla struttura principale (il bar) della concessione balneare. Secondo i titolari dei lidi, le reti sono necessarie per proteggere gli stabilimenti dagli atti vandalici. Il Comune, che ha ingaggiato da 4 anni un braccio di ferro con i balneatori, vuole che vengano abbattute tutte le recinzioni che ostacolano il libro accesso al mare, sul presupposto che la spiaggia non è di proprietà dei concessionari. Uno scontro che è destinato a proseguire. La questione potrebbe finire davanti alla Corte costituzionale. Anche se già si comincia a vociferare di possibili modifiche al provvedimento del Consiglio regionale.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@libero.it

Più informazioni su