vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

D'Amico (Pd): "Nuovi corsi, la Provincia ha dimenticato l'Itis di Vasto"

Più informazioni su

VASTO – Nel grande progetto di Istituto tecnico superiore per le nuove tecnologie e il made in Italy la Provincia di Chieti ha dimenticato di inserire l’Istituto tecnico industriale Mattei di Vasto. Lo denuncia Camillo D’Amico, capogruppo del Pd in Consiglio provinciale, che spiega i motivi per cui i gruppi del centrosinistra (oltre al Pd, anche Sinistra ecologia e libertà e Rifondazione comunista) si sono astenuti nella votazione di martedì scorso sulla costituzione della fondazione dal nome Istituto tecnico superiore per le nuove tecnologie del made in Italy.

“L’astensione – sostiene D’Amico – è avvenuta con la piena consapevolezza dell’importante strategia di uno strumento che rafforza la scelta del centro ricerche dell’automotive in Val di sangro la quale rappresenterà un nuovo volano di sviluppo occupazionale nel territorio e ciò avverrà sulla scorta della creazione di un corso triennale post-diploma che si andrà ad istituire con un finanziamento complessivo di 640mila euro a cura del ministero delle Attività produttive e della Regione Abruzzo.
Troppe le perplessità di merito sollevate dai gruppi di minoranza, sia in commissione consiliare che in Consiglio”, ma “non hanno trovato alcuna risposta nell’immediato ma solo impegni per un futuro ancora di là da venire.

Siamo di fronte – è la posizione del Pd – all’ennesimo episodio di una palese quanto ingiustificata rinuncia ad esercitare  un ruolo di guida e regìa nel governare la pianificazione e lo sviluppo del territorio cui il centrodestra ci ha ormai abituato in questo primo anno di amministrazione; difatti sarà il patto territoriale Sangro – Aventino a menare le danze. L’ente a cui è dovuta  la responsabilità del coordinamento istituzionale, non ha saputo o voluto coinvolgere il Trigno–Sinello ed il Chietino–Ortonese.
Tra gli Istituti tecnici industriali – afferma D’Amico – sono coinvolti quelli di Lanciano e Chieti, con la completa quanto grave dimenticanza di quello di Vasto”.  

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su