vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Residenti del centro chiedono sicurezza. Commercio: licenze esaurite

Più informazioni su

VASTO – I residenti del centro storico di Vasto chiedono più sicurezza, ma intanto in commercianti scelgono la parte antica della città, dove si concentrerà una parte consistente delle 85 licenze per l’apertura di nuovi locali. Le famiglie che ci vivono vogliono vivere sonni tranquilli. E’ innanzitutto una richiesta di sicurezza, quella che emerge dallo studio condotto dal Comune insieme alla Camera di commercio di Chieti. Hanno espresso la loro opinione 200 frequentatori abituali e 500 nuclei familiari del centro storico. Stamani il sindaco, Luciano Lapenna, ha anticipato i risultati presentando il convegno che si terrà giovedì pomeriggio, alle 17, a Palazzo D’Avalos sul tema Costruiamo insieme il centro commerciale naturale, con la partecipazione delle associazioni di categoria: Confcommercio e Confesercenti.

La sicurezza. “Una maggiore sicurezza è avvertita come una necessità”, ammette il sindaco elencando i risultati dello studio. Il Comune ha cominciato da Vasto Marina a installare la videosorveglianza, ma è solo un primo intervento. E’ all’inizio l’iter che porterà l’amministrazione a dotare la città di 63 telecamere in 24 punti sensibi. Con la ripartizione del Peg (piano esecutivo di gestione, che consente la suddivisione dei fondi tra i vari settori municipali), è a disposizione la somma di 600mila euro. Il comandante della polizia municipale, Ernesto Grippo, sta predisponendo il bando di gara, che verrà pubblicato nei prossimi giorni, per l’assegnazione dell’incarico di redazione del progetto. Una volta che il progettista avrà completato la progettazione, si farà la gara d’appalto per scegliere l’impresa che installerà le telecamere. Lapenna è tornato a chiedere uno sforzo anche ai commercianti: “Ai nostri operatori – ha detto – basterebbero 2 o 300 euro per la videosorveglianza fuori dai loro esercizi commerciali”. Intanto, il primo cittadino sottolinea che “il 21% degli intervistati ha ritenuto migliorato in questi ultimi tempi il centro storico, contro il 3% di Chieti e il 4% di Lanciano”. C’è un problema nei trasporti pubblici, visto che solo l’1% delle 700 persone coinvolte nel sondaggio dichiara di raggiungere in autobus il cuore di Vasto. Il 48% va in centro per incontrare gli amici, il 18 per fare la spesa, il 14 per andare a lavorare. La città antica si spopola. Ci vivono circa 9mila persone. Le case sfitte rappresentano il 31% del totale.

Il commercio. Molte delle 85 nuove licenze consentiranno l’apertura di locali nel centro storico. “Il Piano commerciale – spiega Lapenna – è stato quasi esaurito”. In 3 anni, prevedeva il rilascio di 75 autorizzazioni fisse e 10 stagionali, queste ultime a Vasto Marina. Le domande hanno riguardato quasi tutte le licenze previste, tanto che “sarà necessario convocare di nuovo le associazioni di categoria”. In centro ci sono 168 negozi. Il 90% delle attività è no-food. E’ il settore dei locali pubblici e della ristorazione quello che verrà incrementato.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su