vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sicurezza, Palomba (Idv): "I Comuni facciamo la loro parte"

Più informazioni su

VASTO – Per garantire sicurezza serve una presenza capillare delle forze dell’ordine. Polizia, carabuinieri e anche i vigili urbani, ragion per cui i sindaci di Vasto e San Salvo si diano da fare. Lo chiede Paolo Palomba, consigliere regionale dell’Idv: “Le istituzioni, a partire da quelle locali, compresi i Comuni – afferma – devono dare una risposta immediata e decisa alla domanda di sicurezza che arriva dai cittadini di Vasto, San Salvo e dell’intero comprensorio. Le ormai frequenti incursioni notturne dei delinquenti o dei semplici teppisti non sono più tollerabili. – riprende l’esponente dell’Italia dei Valori – Si moltiplicano i furti di autovetture, come in queste ultime notti a San Salvo, i danneggiamenti alle strutture pubbliche e private, non ultima alla rete di illuminazione della pista ciclabile di Vasto. Veri e propri episodi di criminalità in costante crescita
che evidenziano il deficit di sicurezza in cui si trova il Vastese
intero. In questo momento in cui bisogna tagliare i costi inutili e le
spese dello Stato, va rimarcato con forza che il settore della
sicurezza pubblica non può e non deve subire alcun ridimensionamento,
come rimarcato anche dai sindacati di categoria. Ipotesi del genere,
contemplate, a quanto pare, anche nella legge finanziaria, vanno
rigettate con forza. Per garantire la sicurezza la parola d’ordine è una sola: prevenzione.
E la prevenzione – afferma il consigliere regionale – è possibile soltanto con una presenza capillare, diffusa e costante delle forze dell’ordine sul territorio, che funga da deterrente a fanomeni criminali, con un maggiore coordinamento, basato sulla collaborazione, tra carabinieri e polizia, e, perché no, anche con la polizia municipale. I sindaci, dunque, facciano la loro parte, anche perché la stagione turistica è al via e problemi legati
alla sicurezza potrebbero scoraggiare la presenza dei turisti”.

 

Più informazioni su