vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Furto in appartamento, impronte digitali aiutano polizia: una denuncia

Più informazioni su

VASTO – Sono state le impronte digitali a incastrarlo. E’ accusato di aver rubato 8mila euro e gioielli da un appartamento di via Tre Segni, a Vasto, M.Y., 31 anni, vastese denunciato dalla polizia. Il furto è del 18 giugno scorso, quando “ignoti – racconta il vice questore Cesare Ciammaichella – forzavano le porte d’ingresso e, approfittando dell’assenza della proprietaria, si introducevano all’interno, mettendo a soqquadro l’intero appartamento. L’azione illegale fruttava 8mila euro” in denaro “e un valore molto più ingente in monili d’oro”. Gli agenti della squadra anticrimine del Commissariato di via Bachelet avviavano le indagini acquisendo informazioni e individuando alcuni sospettati tra persone già note alle forze dell’ordine. L’attenzione, strada facendo, si concentra su una persona in particolare. La ricostruzione dei fatti. Il 18 giugno, subito dopo essere rientrata e aver trovato la porta forzata e l’abitazione svaligiata, la padrona di casa chiama il 113. Interviene la squadra volante, che chiede l’ausilio degli uomini della scientifica. Questi riescono a rilevare alcune impronte digitali. “Grazie all’evoluzione tecnologica di questi ultimi anni – spiega Ciammaichella – è stato possibile ottimizzare le linee dell’impronta, ripulendo l’immagine con una nuova tecnologia laser relativa anche alle impronte palmari, oltre che digitali, che va ad aggiungersi alla banca dati del sistema informatico Afis e permette agli operatori una ricerca automatica sicuramente più completa che in passato. Tale operazione è stata fatta per il sospettato”. Le impronte trovate nell’abitazione di via Tre Segni vengono, quindi, comparate con quelle archiviate nel cervellone informatico. Operazione che consente agli investigatori di risalire al trentunenne, denunciato per furto aggravato.

Più informazioni su