vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pilkington, indetto lo sciopero per i precari. La Cgil: nel sono oltre 200

Più informazioni su

SAN SALVO – Quattro ore di sciopero per ogni turno di lavoro di mercoledì prossimo. Le hanno indette i sindacati alla Pilkington di San Salvo per protestare contro il mancato rinnovo del contratto a 5 operai che da 6 anni lavoravano nell’azienda specializzata nella produzione di vetro per auto. Il problema precari riguarda oltre il 10% della forza lavoro: sono oltre 200, sui 1900 totali, i dipendenti Pilkington il cui contratto è scaduto o scadrà prima di fine anno. La multinazionale giapponese li ha assunti come lavoratori a tempo determinato, apprendisti o interinali. “In questi ultimi anni in azienda tutti i precari hanno dimostrato professionalità ed attaccamento alla società”, spiegano dalla Rsu, la rappresentanza sindacale unitaria che si è riunita ieri. Cinque dipendenti sono stai rispediti a casa dopo 6 anni di lavoro. “Dalla sera alla mattina. Hanno lavorato fino all’ultimo giorno. Poi, il giorno dopo, l’azienda ha comunicato loro che il contratto di apprendistato non sarebbe stato rinnovato”, racconta Emilio Di Cola, della Filctem Cgil. Il sindacato si scaglia contro la decisione presa uilateralmente dalla multinazionale nipponica e indice 4 ore di sciopero: gli operai incroceranno le braccia nelle ultime 4 ore di ognuno dei turni lavorativi di mercoledì prossimo. I sindacati chiedono la stabilizzazione dei precari, “auspicando che tale decisione porti a riflettere su come affrontare le questioni che riguardano il futuro dei lavoratori”. “Riteniamo un atto grave – commenta Di Cola – quello della Pilkington. Non possiamo accettare che i lavoratori, dopo 6 anni di precariato all’interno dello stesso gruppo, debbano veder svanire le proprie aspettative di vita. Invitiamo la società a tornare sui suoi passi, reintegrando immediatamente i 5 lavoratori e ad aprire un tavolo di confronto con tutto il movimento sindacale”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su