vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Operazione-salvataggio: il Comune diventa sponsor della Pro Vasto

Più informazioni su

VASTO – Il Comune diventa sponsor della Pro Vasto, cui verserà 25mila euro. Lo ha stabilito nella seduta di ieri la Giunta municipale. E’ stato il sindaco, Luciano Lapenna, ad annunciarlo stamani in una conferenza stampa tenuta in municipio insieme all’assessore allo Sport, Nicola Tiberio, alla presenza di un gruppo di tifosi. Sono giorni in cui si cerca di salvare la società. Crisci fino a ieri ha ribadito che la raccolta fondi non ha raggiunto quota 250mila euro, la somma che serve a cancellare il rosso dal bilancio.

Lapenna, oltre ad annunciare ufficialmente la decisione della Giunta, vuole ribadire che “l’amministrazione continua a fare la sua parte nel sostegno alla Pro Vasto. Ecco i mandati di pagamento a favore della società di calcio. Attestano le spese sostenute dalla mia amministrazione, spesso su richiesta della Pro Vasto, per ammodernare e mettere a norma lo stadio Aragona: 511mila euro”, cui vanno aggiunti “altri 200mila euro che nel mio mandato sono stati erogati a beneficio del prima squadra di calcio della città”.

Stuzzicato dall’addetto stampa della Pro Vasto, Gabriele Cerulli, il primo cittadino ammette che con la dirigenza biancorossa ci sono state delle incomprensioni: “Avremmo voluto fare come il PalaBcc: da quando lo abbiamo dato in gestione ai privati, il Comune non spende più un centesimo per la manutenzione. Non siamo riusciti a fare lo stesso con lo stadio Aragona, nonostante le molte riunioni, perché mi è stato risposto: Chissà cosa facciamo il prossimo anno. Mi assumo le mie colpe, cioè quelle di aver affidato in passato la gestione della situazione Pro Vasto a un ex assessore, ma non accetto che si dica che non abbiamo fatto niente, come è stato scritto. In passato mi sono assunto la responsabilità di riunire gli imprenditori per sensibilizzarli, in modo che potessero aiutare il calcio vastese. L’ho fatto allora e me ne sono pentito.

Ora – conclude Lapenna – è agli imprenditori che voglio lanciare un appello, affinché non lascino in braghe di tela questa società”.

micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su