vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Ospedale, taglio di 70 posti letto: la protesta in Consiglio regionale

Più informazioni su

VASTO – Terza protesta nel giro di 4 giorni per dire no al taglio di 70 posti letto all’ospedale San Pio di Pietrelcina di Vasto e di 30 in quello di Gissi. Questa volta, il corteo si sposta all’Aquila. Lo ha deciso il Comitato ristretto dei sindaci della Asl provinciale approvata nella seduta di ieri. Domani i primi cittadini saranno in Consiglio regionale per assistere alla seduta straordinaria sul piano di riassetto della rete ospedaliera varato dalla Giunta Chiodi. E per protestare contro la pesante sforbiciata che colpisce la provincia di Chieti e il Vastese più di ogni altra area dell’Abruzzo. Partiranno nel primo pomeriggio, intorno alle 14, i pullman diretti al capoluogo. In mattinata il Consiglio comunale di Vasto discuterà del problema sanità.

La manifestazione. Il Comitato ristretto dei sindaci della Asl, di cui è presidente il primo cittadino di Vasto, Luciano Lapenna, ha approvato una delibera in cui esprime “contrarietà alla proposta di piano di riassetto, che vede tra l’altro penalizzato il territorio della Asl a vantaggio di altre aree della nostra regione”. I sindaci chiedono il blocco del piano, si rivolgeranno al prefetto di Chieti, Vincenzo Greco, e preparano la trasferta all’Aquila, dove faranno sentire la loro voce.

Consiglio comunale. Domattina, alle 9, seduta calda. In aula arriverà il problema del taglio dei posti letto. Si preannuncia una discussione accesa: la maggioranza di centrosinistra vuole che il Consiglio si pronunci per un netto no alla riorganizzazione della sanità abruzzese, che priva di 70 posti letto l’ospedale di Vasto (da 240 a 170) e rischia di creare liste d’attesa lunghissime e, quindi, una perenne emergenza.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su