vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Tagli all'ospedale, Lapenna alla Regione: "Piano antidemocratico"

Più informazioni su

VASTO – Due giorni fa la protesta dei sindaci. Ieri nuovo viaggio a L’Aquila per Luciano Lapenna, primo cittadino di Vasto e presidente del comitato dei sindaci della Asl provinciale.

Continua la mobilitazione contro il taglio dei posti letto negli ospedali deciso dalla Giunta regionale d’Abruzzo. Solo a Vasto la sforbiciata riguarderà 70 unità, mentre a Gissi ne saranno 30. Un drastico ridimensionamento che porterà alla chiusura del reparto di diabetologia dell’entroterra e metterà a rischio l’urologia dell’ospedale “San Pio da Pietrelcina” di Vasto. E’ il reparto specialistico del presidio ospedaliero di via San Camillo de Lellis. A Gissi si teme anche che questo sia solo l’inizio di un processo che potrebbe portare alla chiusura dell’intera struttura sanitaria.

“E’ un piano di riordino – ha detto Lapenna- che penalizza i piccoli ospedali chiudendoli e quelle strutture ospedaliere, come quella di Vasto
che, nelle intenzioni di Chiodi e dell’assessore alla Sanità Venturoni, dovrebbe avere meno di 200 posti letto con la scomparsa di servizi complessi a favore del privato e di altre realtà della Regione Abruzzo.
Come ribadito dal Consiglio Comunale di ieri all’unanimità – ha aggiunto
 Lapenna – è mancato e manca ogni dialogo con i sindaci. Un metodo antidemocratico che serve a voler nascondere sacche di privilegio che si annidano in questa proposta di riordino oggi all’attenzione del governo nazionale”.

Il sindaco di Vasto ha chiesto alla Regione l’apertura di un tavolo di confronto con i sindaci della Asl.

Intanto, incassa il sostegno dell’associazione diabetici di Vasto, che riguardo alla chiusura del reparto di diabetologia di Gissi “ritiene irrinunciabile – afferma il presidente, Raffaele Felice – il diritto, sancito da leggi nazionali e regionali, all’assistenza in una unità operativa autonoma, dedicata al diabete, alla sua cura e alle prevenzione delle complicanze, che continui a percorrere quei percorsi assistenziali virtuosi e verificati, che sono stati applicati in questi anni e hanno configurato quella del presidio ospedaliero di Vasto-Gissi come una unità operativa d’eccellenza”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su