vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Show Mazzocchetti: "Vincerò" e "'O sole mio", pubblico entusiasta

Più informazioni su

VASTO – E’ stato Piero Mazzocchetti il protagonista indiscusso, a Vasto, della 24^ edizione del Toson d’Oro. Il trentaduenne tenore pescarese, che si è classificato terzo al Festival di Sanremo nel 2007, ha impersonato il principe Fabrizio Colonna nella rievocazione storica di ieri sera. Dopo aver ricevuto il collare del Toson d’Oro da Walter Marinucci nelle vesti del marchese Cesare Michelangelo D’Avalos, Mazzocchetti ha prima intonato brevemente il celebre “Vincerò”, tratto dal Nessun dorma della Turandot di Puccini e poi, sceso in piazza Pudente e intervistato dalla speaker della serata, la giornalista Paola Cerella, ha concesso a tutti ‘O sole mio, accompagnato dallo stesso Marinucci e coinvolgendo il pubblico. Applausi a scena aperta. Il tenore ha ringraziato tutti con un giro tra la folla assiepata a ridosso delle transenne: “E’ un periodo particolare per noi abruzzesi. Abbiamo bisogno di Abruzzo. Di promuovere la nostra regione nel mondo”, ha detto con entusiamo.

L’evento. Vasto si è tuffata nel suo passato. Per la ventiquattresima volta consecutiva, la rievocazione storica del Toson d’Oro ha riempito le strade della città antica. E’ stata anticipata rispetto agli scorsi anni per dare all’evento una vetrina più grande: quella del periodo clou dell’estate. Ma non di certo quello più caldo, visto che la pioggia caduta fino al pomeriggio ha rischiato di rovinare il tradizionale corteo organizzato dall’associazione Amici del Toson d’Oro, presieduta da Walter Marinucci, in collaborazione col Comune di Vasto.

Figuranti in costumi d’epoca, sbandieratori, musici, danzatori, giocolieri e mangiafuoco hanno fatto rivivere a vastesi e turisti l’atmosfera di quella festa del 24 ottobre del 1723 quando, su ordine dell’imperatore Carlo VI, don Cesare Michelangelo D’Avalos, marchese del Vasto e di Pescara, conferì il prestigioso collare del Toson d’Oro al gran conestabile del Regno, il principe romano Fabrizio Colonna. La consegna dell’ordine del Toson d’Oro avvenne quale riconoscimento dei servigi che la famiglia romana rese alla Corte di Napoli. I festeggiamenti proseguirono fino al 2 novembre. L’imperatore volle che la festa si tenesse a Vasto perché la considerava la città più bella del Regno.

Alle 18 il filmato della manifestazione.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su